Feltri: "Greta Thunberg? Fosse mia figlia, la prenderei a schiaffi"

Il direttore editoriale di Libero si scaglia contro la paladina dell'ambientalismo: "Va in giro per il mondo a fare l'imbecille"

Feltri: "Greta Thunberg? Fosse mia figlia, la prenderei a schiaffi"

Vittorio Feltri non ha alcuna simpatia per Greta Thunberg: la cosa è nota. Così come non è un segreto il fatto che il direttore editoriale di Libero abbia intrapreso una battaglia "personale" contro le eco-balle di Greta e di tutti i pasdaran dell'ambientalismo spinto all’estremo. Sulle colonne del quotidiano, oppure sul proprio profilo Twitter, il giornalista tira spesso più di qualche frecciatina all'attivista svedese, paladina del green.

Per esempio, nelle scorse settimane, sulla bacheca social di Feltri ha fatto capolino il seguente post: "In Italia l'aspettativa di vita è la più alta d'Europa, 82,2 anni. Un'altra prova che il nostro presunto inquinamento fa bene alla salute". In precedenza, un cinguettio tanto caustico quanto ironico:"Segnalo a Greta che forse a causa del surriscaldamento del pianeta, ieri a Bergamo è nevicato". Ecco serviti due esempi dell'"antipatia" della penna bergamasca per l'ideatrice del cosiddetto "Friday For Future", il grande movimento studentesco – attivo su scala globale – che porta nelle piazze delle città di tutto il mondo le istanze dell'ambientalismo.

Nella serata di lunedì, Vittorio Feltri è stato ospite di Stasera Italia, su Rete 4. Alla domanda della padrona di casa Barbara Palombelli, che gli chiedeva un parere, il direttore ha risposto secco: "Io credo che questa Greta Thunberg che sta facendo delle prediche mondiali, con tutti che la ascoltano, sia un fenomeno molto interessante da analizzare, perché significa che il pianeta è sano, mentre sono cretini quelli che le danno retta…".

Ma non è finita qui, visto che il giornalista rincara la dose contro la 16enne attivista scandinava: "E se Greta fosse mia figlia – e vorrei che lo fosse – la prenderei a schiaffi per mandarla a scuola, invece che andare a fare l'imbecille in giro per tutto il mondo, dove non imparerà niente, e continuerà a sentirsi un padre eterno senza essere in verità assolutamente nulla. Ecco, questo è quello che penso di Greta Thunberg…". Un'uscita che fa sorridere sia Bruno Pizzul in collegamento video con lo studio, sia la stessa conduttrice, mentre Tommaso Labate e Claudio Velardi, invece, rimangono impassibili.