Gli impiantano il fegato di un afroamericano: ora è diventato nero

Un uomo russo ha iniziato a notare dei cambiamenti nel colore della pelle dopo un intervento di trapianto di fegato da un uomo di colore

Semen Gendler prima e dopo il trapianto di fegato (The Mirror)
Semen Gendler prima e dopo il trapianto di fegato (The Mirror)

È una storia che ha dell'incredibile, quella che arriva dalla città russa Krasnodar. Il 65enne Semen Gendler, già malato di cancro ed epatite C, ha affrontato, negli Usa un trapianto di fegato.

Dopo essersi fatto impiantare un organo appartenuto ad un uomo afroamericano, Semen ha iniziato a notare alcuni cambiamenti nel colore della sua pelle. Che è diventata sempre più scura, fino a spingerlo a riconoscere di essere ormai nero.

"Il mio collega Igor - racconta l'uomo - si è accorto che avevo il volto più scuro. Ed effettivamente, dopo che me lo ha fatto notare, mi sono reso conto che stavo diventando nero. Forse il motivo è legato al fegato del donatore di colore".

Semen voleva farsi operare in Russia, ma le liste d'attesa per i trapianti disponibili erano troppo lunghe. Così, racconta il britannico The Mirror, è volato negli States. Ha pagato 375mila euro per l'operazione, che è andata bene. Poi è arrivata la sorpresa del cambio del colore della pelle. Che Semen sembra aver accolto con tranquillità: "L'importante - conclude - è che io sia guarito e possa fare una vita normale. Se divento nero non cambia nulla".

Commenti