Lecce, la ragazzina che si tagliò i polsi voleva evitare nozze combinate

La 14enne inizialmente aveva detto di aver compiuto il gesto perché il padre aveva minacciato di toglierle lo smartphone

Lecce, la ragazzina che si tagliò i polsi voleva evitare nozze combinate

Altro che smartphone. La ragazzina di 14 anni di Lecce che un mese fa aveva tentato di tagliarsi i polsi voleva in realtà evitare un matrimonio combinato. La giovane, originaria dello Sri Lanka, ha così deciso di raccontare i veri motivi alla base di quanto accaduto. Secondo quanto riportato dal Quotidiano di Puglia, l'adolescente era stata promessa in sposa quando aveva appena compiuto 14 anni. Il padre circa un mese fa l'aveva minacciata di ritirarle lo smartphone proprio perché aveva paura che questa chattasse con altri ragazzi. Un fatto che avrebbe potuto mandare all'aria l'accordo raggiunto con un uomo dello Sri Lanka. È a quel punto che la giovane aveva tentato di tagliarsi i polsi, in segno di protesta.

Dopo quanto accaduto i servizi sociali avevano allontanata la ragazza dalla famiglia e ora si trova in una struttura protetta. Una decisione molto drastica che fino ad oggi non era mai stata chiarita, ma che forse, ora, ha la sua spiegazione.

Commenti
Disclaimer
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Accedi
ilGiornale.it Logo Ricarica