Cronache

Monza, paura alla stazione di Arcore: straniero aggredisce passanti

In evidente stato di alterazione psico-fisisca, l’extracomunitario ha minacciato alcune persone, prima di aggredire fisicamente due uomini del posto, presi a pugni ed a testate. Al momento del fermo, ha attaccato anche i carabinieri

Monza, paura alla stazione di Arcore: straniero aggredisce passanti

Paura ieri pomeriggio alla stazione ferroviaria di Arcore (Monza), dove un cittadino straniero, in evidente stato di alterazione psico-fisica, ha aggredito due uomini senza alcuna ragione.

Stando a quanto riferito dai quotidiani locali, il fatto si è verificato intorno alle 17, quando l’extracomunitario, appena sceso da un treno, ha raggiunto il piazzale Martiri della Libertà antistante la stazione.

Reso probabilmente ancora più violento dai fumi dell’alcol, ha cominciato ad inveire contro i passanti, che hanno ricevuto anche palesi minacce. Individuati poi due arcoresi, rispettivamente di 65 e di 57 anni, lo straniero si è avventato improvvisamente contro di loro, assestando un pugno al primo ed una testata al secondo.

Una scena che ha allarmato tutte le altre persone presenti, che hanno immediatamente richiesto l’intervento delle forze dell’ordine. Sul posto sono sopraggiunti i carabinieri del nucleo radiomobile di Monza, seguiti da una pattuglia della polizia locale e da un’ambulanza di Avps, proveniente da Vimercate.

I sanitari si sono occupati di soccorrere le due vittime della violenta aggressione, che non hanno fortunatamente riportato alcuna grave conseguenza, mentre gli uomini in divisa hanno subito dato l’avvio alle ricerche del responsabile. Grazie anche alle numerose testimonianze raccolte, il facinoroso straniero è stato rintracciato in breve tempo, ma i militari hanno comunque faticato non poco per immobilizzarlo.

Deciso a fuggire, l’extracomunitario si è infatti rivoltato anche contro gli uomini dell’Arma, che sono stati aggrediti. Dopo una veloce colluttazione, il soggetto è stato arrestato con l’accusa di lesioni personale e resistenza a pubblico ufficiale. Condotto in caserma per le regolari pratiche di identificazione, è risultato essere un 24enne senegalese pregiudicato e clandestino sul territorio nazionale. Al momento si trova dietro le sbarre in attesa di giudizio.

Commenti