Ora anche la tv tedesca smentisce Open Arms: "Nessuno lasciato morire in mare"

Il reportage di una giornalista tedesca che era a bordo della motovedetta libica mostra l’impegno della Guarda Costiera

Ora anche la tv tedesca smentisce Open Arms: "Nessuno lasciato morire in mare"

La Guarda Costiera libica non ha lasciato morire nessuno in mare in occasione del salvataggio del 16 luglio, in occasione del quale sono state purtroppo trovate morte due persone. Ci sono le prove. A fornirne è una reporter della televisione tedesca Ntv Nachrichten, Nadja Kriewald, che - presente a bordo - smentisce così la (falsa) ricostruzione dell’Ong Open Arms, che ha accusato la motovedetta della Libia di abbandonare, in balia delle onde, i migranti.

E non solo, visto che gli attivisti hanno puntato il dito anche contro il nostro governo, soprattutto all’indirizzo del ministro dell’Interno Matteo Salvini, accusato – alla pari dell’esecutivo Conte – di essere complice dei guardiacoste libici (etichettati, sempre dall’Ong, come "assassini arruolati dall’Italia").

Insomma, l'ennesima fake news. La giornalista teutonica ha firmato il servizio per il canale e ha dichiarato chiaramente che: "La Guardia Costiera Libica sta facendo un ottimo lavoro". Vedere (il video) per credere.