Papa Francesco a Carpi: "Avete sollevato le macerie e ricostruito con speranza"

Papa Francesco durante l'omelia della messa a Carpi: "C'è chi resta intrappolato nelle macerie della vita e chi, come voi, con l'aiuto di Dio solleva le macerie e ricostruisce con paziente speranza"

Papa Francesco a Carpi: "Avete sollevato le macerie e ricostruito con speranza"

Nella sua visita pastorale a Carpi papa Francesco rivolge un appello ad un'intera comunità rimasta duramente colpita, nel 2012, dal terremoto. Il messaggio del pontefice è di encomio verso una popolazione che ha saputo rimboccarsi le maniche e lottare. "Siamo invitati a decidere da che parte stare - dice Bergoglio nell'omelia della messa -. Si può stare dalla parte del sepolcro oppure dalla parte di Gesù. C'è chi si lascia chiudere nella tristezza e chi si apre alla speranza. C'è chi resta intrappolato nelle macerie della vita e chi, come voi, con l'aiuto di Dio solleva le macerie e ricostruisce con paziente speranza".

"Di fronte ai grandi perché della vita - spiega il pontefice - abbiamo due vie: stare a guardare malinconicamente i sepolcri di ieri e di oggi, o far avvicinare Gesù ai nostri sepolcri. Sì, perché ciascuno di noi ha già un piccolo sepolcro, qualche zona un po' morta dentro il cuore: una ferita, un torto subìto o fatto, un rancore che non dà tregua, un rimorso che torna e ritorna, un peccato che non si riesce a superare. Individuiamo oggi questi nostri piccoli sepolcri che abbiamo dentro e lì invitiamo Gesù".

Carpi è uno dei luoghi più colpiti dal terremoto del 2012. Una città già visitata da Benedetto XVI all’indomani dal sisma. La cattedrale davanti alla quale il papa celebra la messa (con accanto sull’altare il cardinale Carlo Caffarra, l’ex arcivescovo di Bologna, uno dei quattro cardinali che hanno espresso "dubia" circa le aperture dell’Amoris laetitia ai divorziati risposati), è stata ricostruita a tempo di record e inaugurata domenica scorsa dai cardinali Pietro Parolin, segretario di Stato, e Angelo Bagnasco, presidente della Cei e dei vescovi europei.

Commenti