Pizza e "coca" al ristorante: arrestato cuoco a Ventimiglia

Gli agenti del locale commissariato, infatti, sono intervenuti a colpo sicuro e quando hanno fatto irruzione nel locale, lo hanno trovato con quindici grammi di cocaina: in parte nascosti nelle tasche dei pantaloni e in parte nell’armadietto dello spogliatoio.

Spacciava cocaina nel ristorante dove lavorava come cuoco e pizzaiolo stagionale, a Ventimiglia, in provincia di Imperia. Lui è Danilo Montoro, 29 anni, originario della provincia di Cosenza, ma in questo periodo domiciliato nella città di confine. Che smerciasse polvere bianca, oltre a preparare le pizze, era ormai risaputo.

Gli agenti del locale commissariato, infatti, sono intervenuti a colpo sicuro e quando hanno fatto irruzione nel locale, lo hanno trovato con quindici grammi di cocaina: in parte nascosti nelle tasche dei pantaloni e in parte nell’armadietto dello spogliatoio, dove hanno anche trovato due grammi di hashish e marijuana, una piccola bilancia di precisione e porzioni di cellophane pronte per confezionare le dosi.

Nei guai sono finiti pure un cameriere di 20 anni e una cameriera di 21 anni, denunciati in stato di libertà in quanto trovati in possesso: il primo di 12 grammi di hascisc, la seconda di un paio di grammi della stessa sostanza. La polizia sta ora indagando per ricostruire il giro di spaccio e risalire ai consumatori.

Non si esclude che lo smercio avesse come base il ristorante e che gli acquirenti, venissero riforniti sul posto. Al momento del blitz, gli agenti sono entrati in abiti civili, senza quindi dare troppo nell’occhio ed hanno colto di sorpresa il cuoco, il quale non ha potuto far altro che consegnare la droga. Comparso, oggi, in tribunale a Imperia, il giudice ha convalidato l'arresto scarcerandolo e disponendo obbligo di firma.

Commenti

cir

Gio, 30/08/2018 - 16:55

toh , un italiano che ruba il lavoro ai marocchini ...