Quei tre Comuni nuclearizzati che oggi chiedono giustizia

Il loro territorio è stato deturpato a insaputa delle popolazioni

Complessa la vicenda che riguarda tre Comuni in provincia di Matera: Policoro, Nova Siri e Tursi. Tre paesi diventati a loro insaputa dei cimiteri atomici senza che lo sapessero, oltre a Rotondella già balzata agli onori della cronaca in passato che, invece, sapeva di quello che stava accadendo sul suo territorio per la presenza del sito atomico Itrec e, nel 2011, intentò una causa contro il governo. I tre Comuni sullo Ionio, invece, non poterono sei anni fa adire le vie legali pur essendo stati "nuclearizzati" nel 2009, semplicemente perché non ne erano a conoscenza.

In cosa consisteva la denuncia contro Palazzo Chigi partita da Scanzano Jonico? Si chiedeva che venissero riconosciute le risorse sottratte ai Comuni dal 2004 al 2011 dallo Stato, ben il 70 per cento delle risorse. Se Rotondella dovesse vincere la causa, riceverebbe 16 milioni di euro per i danni subiti causa la presenza dell'impianto di riprocessamento del combustibile nucleare. Anche se il sindaco del piccolissimo Comune del materano (fa poco più di 2mila anime) circa un anno fa disse in un'intervista: "Nessuna cifra potrà mai compensare il danno causato dall’aver avuto l’Itrec nel nostro territorio".

Intanto anche gli altri tre Comuni, ignari nel 2009, si stanno mobilitando per chiedere i danni retroattivi in attesa della sentenza d’appello e dell’eventuale Cassazione. Alla luce di un territorio, quello lucano, deturpato dagli impianti di nucleare da un lato e dal petrolio dall'altro, Matera capitale europea della cultura 2019 appare sempre di più come uno specchietto per le allodole.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Flex

Flex

Mar, 21/11/2017 - 13:30

Non capisco la necessità di questo articolo. Adesso i cittadini si sentiranno più sicuri? e se a qualcuno, adesso che sanno dove sono, venisse in mente di metterci le mani sopra?. Di sucuro c'è una cosa nessuno li vorrebbe a casa propria ma dobbiamo farcene carico. Spero solo che i siti siano stati scelti per la loro affidabilità e non "a mazzette".

beale

Mar, 21/11/2017 - 16:11

non avevano messo i cartelli "comune denuclearizzato"