Rapina a mano armata alla poste, banditi fuggono con 10mila euro

I carabinieri, che si stanno occupando delle indagini, ritengono che i due criminali abbiano agito con l’aiuto di un terzo uomo, rimasto in attesa in auto. Per il momento i responsabili sono in fuga

Paura in un ufficio postale di Leini (Torino), dove stamani ha avuto luogo una rapina intorno alle 8:25, ovvero all’apertura dell’esercizio sito in via Ricciolio.

Due uomini hanno fatto improvvisamente irruzione all’interno del locale a volto coperto. Stando al racconto dei testimoni, entrambi erano incappucciati ed uno indossava anche una maschera di carnevale. Armati di un coltello e di una pistola hanno tenuto sotto scacco i presenti. Secondo alcune fonti, i banditi avrebbero inizialmente tentato di costringere la dirigente ad aprire il caveau, minacciando i dipendenti. Essendo tuttavia scattato l’allarme, i due si sono dovuti allora “accontentare” di appropriarsi del denaro presente nelle casse, per poi fuggire a piedi con 10mila euro in contanti.

Subito dopo l’episodio, il personale delle poste ha inoltrato una richiesta d’aiuto alle forze dell’ordine. Sul posto i carabinieri della compagnia di Leini , che non hanno trovato alcuna traccia dei due malviventi. I militari, che si stanno occupando di condurre le indagini con la collaborazione dei colleghi del comando di Venaria, ritengono che i criminali abbiano agito con l’appoggio di un terzo uomo. Il complice li avrebbe attesi in auto, pronto a mettere in moto una volta commessa la rapina.

Ancora in corso le ricerche dei responsabili. Le immagini ottenute dalle telecamere di sorveglianza, presenti all’interno dell’ufficio postale, sono ora al vaglio degli inquirenti.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.