Ricatta un parroco con cui aveva avuto rapporti: arrestata donna rom

Aveva minacciato di rendere pubblici video e foto che li ritraevano in atteggiamenti intimi. Al sacerdote ha estorto più di 300mila euro, finché lui l'ha denunciata

Almeno 350mila ottenuti da un anziano parroco torinese, per non rivelare che aveva avuto con lei alcuni rapporti sessuali a pagamento, di cui aveva video e fotografie. Una 32enne di etnia rom è stata arrestata dai carabinieri per estorsione, accusata di ricattare un sacerdote.

Appena tornata in Italia, la donna aveva intenzione di chiedere al prete altri 50mila euro, che avrebbe dovuto consegnare per evitare un pubblico scandalo. Nel frattempo il sacerdote ha coinvolto i carabinieri, accusando la 32enne: "Non ce la faccio più - ha confessato - Quella donna mi ha portato via tutto".

I rapporti con la donna romena, senza fissa dimora, erano iniziati nel 2009. Ad ogni incontro il parroco le dava del denaro. Solo nell'ottobre 2011 la 32enne aveva iniziato a ricattarlo. Allora il prete aveva deciso di non rivederla più, ma la donna aveva minacciato: "Se non mi dai dei soldi, faccio vedere le foto e i filmati dei nostri incontri".

In due anni, l'anziano parroco ha versato alla donna bonifici per oltre 320mila euro, altri 30mila in contanti. Al ritorno in Italia della rom, l'aspettavano i carabinieri.

Commenti

Grazie per il tuo commento