La scomparsa dei padri Ultimi esiliati della società

Se vogliamo più figli salviamo prima i papà

O gli italiani riprendono gusto alla vita e quindi all'amore, o spariscono. Con questo tasso di natalità la popolazione italiana va verso l'estinzione o sostituzione, in tempi neppure lunghissimi. Ce ne stiamo finalmente accorgendo, anche per via della disturbante campagna con cui è stata presentata dal ministero della Sanità la «Giornata della Fertilità». Meglio tardi che mai. I soldi vengono dopo. Tanto è vero che la Germania, più generosa di noi verso madri che lavorano, padri disposti a stare a casa, asili aziendali eccetera, corre il nostro stesso rischio: sparizione o sostituzione. Se ti metti a fare i conti prima di fare l'amore, vuol dire che non hai tanta voglia. Che sei entrato in uno stile di vita antivitale, calcolatore, poco disponibile all'altro e agli altri; forse è meglio che lasci perdere. È necessario allora però che tu, e il tuo Paese, capiate cosa vi è successo.

La colpa non è certo delle donne, avide di carriere e di soldi, o dei maschi astenici e infantili. Il fatto è che qui non si innamora più nessuno, o quasi. Non è un problema solo italiano, è quello dell'Occidente oggi. Dove di soldi (malgrado le enormi sacche di povertà, che i bambini però continuano a farli) ne girano più di sempre, ma di figli se ne vedono sempre meno. L'individuo, questo protagonista del mondo moderno, è sempre connesso, ma anche chiuso in se stesso. Tanto è vero che non muore quasi più per infezioni o virus trasmessigli da qualcun altro, ma si spegne castamente, in oltre i tre quarti dei casi, per malattie che si fabbrica da solo: le famose Ncd - non communicable disease - malattie non comunicabili, vere protagoniste dei rapporti dell'Organizzazione mondiale della Sanità. Se le procura con stili di vita antivitali, intossicandosi con droghe di vario genere, ingurgitando cibi, sostanze, liquidi (che se arrivano in popolazioni vergini le sterminano in pochi anni), procurandosi diabeti inarrestabili, disturbi circolatori letali. Avvelenando l'aria, l'acqua e la terra per cui neppure troppo tardi qualche tumore arriva, e la spinta a riprodursi di sicuro non ne guadagna.

In questo modello autoriferito, diffidente, brillante ma malsano e anche noioso, i rapporti tra i due, maschio e femmina, non se la passano affatto bene. Sembrano entrambi terrorizzati: di innamorarsi, di fare l'amore, di stare assieme, e naturalmente anche di fare figli. Nessuno ha spiegato loro che tutti questi sono rischi tremendi ma bellissimi, costitutivi comunque della vita, che senza di essi neppure esiste, e viene sostituita da psicofarmaci.

E se la maternità naviga tra i problemi impietosamente illustrati dalla Sanità, i maschi non solo hanno congedi di paternità ridicoli, ma vengono da decenni di esilio psicologico e simbolico, dove il padre era considerato un residuo di epoche passate, di cui il Paese doveva sbarazzarsi al più presto (se ne discuterà anche oggi, al Convegno dei Papà separati in Lombardia, a Brugherio).

Ancora oggi ci sono tribunali che non applicano la legge sull'affido condiviso, e ogni anno l'Italia è condannata dalle istituzioni europee perché in coda all'Europa nel tempo che i padri separati possono passare coi figli: molto al di sotto dell'indispensabile per mantenere vivo il rapporto. Senza padre, però, non si può crescere, come ha più volte ricordato anche Barack Obama, non un ostinato conservatore. Senza padre è difficile diventare poi stabili compagni, mariti, padri. Occorre dunque ripensare la vita. Per poterla trasmettere.

Claudio Risé

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

blackindustry

Dom, 04/09/2016 - 20:20

Esattamente. Qualcuno ha poi da poco definito i padri italiani come "bancomat". I padri separati sono i nuovi poveri, perche' la ex gli sfila tutto, anche la casa, anche quando lei colpevole. Il problema sono le leggi che sono sbilanciate, prima contro la donna, oggi contro l'uomo.

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Dom, 04/09/2016 - 20:49

Fai pagare gli alimenti alla madre e vedi come tutto torna a posto!

kitar01

Dom, 04/09/2016 - 22:49

Sagge parole. Alla fine capiremo che a forza di demolire quel poco che resta di cristianesimo e di morale costruiremo una umanità narcisa e autoreferenziale, troppo presa dal proprio edonismo per pensare a donare la propria vita a dei figli. Ci siamo rubati il futuro, tanto per parafrasare uno slogan, proprio con quello stile di vita libertario che ci doveva liberare.

TonyGiampy

Lun, 05/09/2016 - 00:55

E ci meravigliamo?Sposarsi e' il piu' grande errore che un uomo possa fare!!L'amore finisce e solo per aver amato un uomo si ritrova fuori da casa sua, senza poter vedere i figli e a dover versare ogni mese fior di quattrini alla strega di turno.Da quando mi sono sposato la mia vita e' diventata un inferno.Costretto a subire il ricatto quotidiano del "ti tolgo la bambina" e ad abbozzare su tutto. Idem mio fratello.Il piu' piccolo, invece,ha avuto tre convivenze tutte finite perche' lui non voleva figli.Ora a 48 anni si trova da solo ma libero e felice.Se non si e' sposati e non si hanno figli, una volta finito l'amore un calcio nel deretano e ti ritrovi libero e senza problemi.Altroche'!!!

Gianni11

Lun, 05/09/2016 - 08:23

Bel risultato il femminismo, no?

chebarba

Lun, 05/09/2016 - 10:35

Parlerò dall'abisso della ia ignoranza, ma i figli che oggi ci sono sono il frutto di amore, dal dopoguerra la sinistra chic spara a zero sulla famiglia, oggi (non essendo + una necessità) farsi una famiglia è atto di coraggio. Oggi c'è senz'altro un profondo egoismo ed edonismo ma i molteplici figli di ieri non erano necessariamente amore per la vita, erano il frutto dell'"attrazione sessuale (dentro e fuori dal matrimonio)che dava il suo prodotto, frutto della necessità di braccia per il lavoro nei campi, frutto di violenza che le donne vivevano come ineluttabile. segue

chebarba

Lun, 05/09/2016 - 10:35

segue Il ruolo della donna è mutato, i padri sempre assenti dopo il primo apporto oggi sono più presenti. Anche il concetto delle cure e del rispetto dei figli è profondamente mutato, non oggetti ma soggetti della famiglia. E' NECESSARIO RIMOTIVARE LA SPERANZA NEL FUTURO E DARE SUOPPORTO ALLE FAMIGLIE senza nostalgie nel passato (ci pensano già le culture retrograde) ma pensando al futuro e all'evoluzione del genere umano

chebarba

Lun, 05/09/2016 - 11:24

I figli che oggi ci sono, sono il frutto di amore, dal dopoguerra la sinistra chic spara a zero sulla famiglia, oggi (non essendo + una necessità) farsi una famiglia è atto di coraggio. Oggi c'è senz'altro un profondo egoismo ed edonismo ma i molteplici figli di ieri non erano necessariamente amore per la vita, erano il frutto dell'"attrazione sessuale (dentro e fuori dal matrimonio)che dava il suo prodotto, frutto della necessità di braccia per il lavoro nei campi, frutto di violenza che le donne vivevano come ineluttabile. segue

chebarba

Lun, 05/09/2016 - 11:24

segue Il ruolo della donna è mutato, i padri sempre assenti dopo il primo apporto oggi sono più presenti. Anche il concetto delle cure e del rispetto dei figli è profondamente mutato, non oggetti ma soggetti della famiglia. E' NECESSARIO RIMOTIVARE LA SPERANZA NEL FUTURO E DARE SUOPPORTO ALLE FAMIGLIE senza nostalgie nel passato (ci pensano già le culture retrograde) ma pensando al futuro e all'evoluzione del genere umano