La Stato chiede i soldi per i disabili, il sindaco prepara 168 chili di monetine

Il sindaco di Malegno (Brescia), Paolo Erba, lancia una provocazione allo Stato centrale a seguito della richiesta di restituzione del 5 x 1000 di quattro anni fa. E prepara sacchi di monetine da un centesimo del peso totale di 168 chili: "Sono pronti, venite a prenderli"

Sei sacchi pieni, zeppi di monetine da 1 centesimo per un totale di 168 chili. È la provocazione lanciata da Paolo Erba, sindaco di Malegno, comune in Provincia di Brescia dell'Alta Valcamonica, che deve restituire allo Stato Centrale il cinque per mille devoluto dai cittadini a beneficio delle persone affette da disabilità.

"Ora il ministero venga a ritirare i suoi soldi". Chiosa con questa parole il primo cittadino di Malegno la lettera aperta indirizzata alle alte cariche del parlamento italiano, dal premier Giuseppe Conte alla ministra della pubblica amministrazione Fabiana Dadone, senza colpo ferire. E non si tratta di una richiesta d'aiuto formale, bensì di un atto di ribellione (dai toni compiti e rispettosi) nei confronti di un sistema di riscossione finanziaria che lui stesso definisce "paradossale".

L'atto di protesta nasce in seno ad un episodio occorso al termine del 2018. Stando a quanto si apprende dallo scritto, l'amministrazione comunale di Malegno non aveva rendicontato entro la scadenza prevista dai termini ministeriali (il 31 dicembre 2014) il ricavato del cinque per mille- ammontante a 1.101,36 euro per appena 2000 abitanti - ma lo avrebbe fatto 2 settimane dopo (il 0 gennaio 2015). La cifra sarebbe, seppur esigua, sarebbe stata destinata alle famiglie con disabili e dunque devoluta in favore di una nobile causa. Tuttavia, dopo ben 4 anni, il Ministero delle finanze ha chiesto al comune la restituzione della elargizione in riferimento ad una norma sanzionatoria applicabile in caso di ritardo del rendiconto relativo alle spese annuali. Ma il sindaco d Malegno non l'ha mandata giù. Così, ha preparato dei grossi sacchi contenti delle monetine da un centesimo per un totale di 168 chili.

"Vogliate perdonare il gesto, - scrive Paolo Erba - ma vivo la sensazione di essere considerato, metaforicamente, come la Banda Bassotti che cerca di rapinare Paperon de’ Paperoni dei suoi sacchi pieni di monete".

In un post pubblicato su Facebook, il primo cittadino spiega che la lettera destinata al consiglio dei ministri non è un atto di contestazione reazionaria ma un grido di aiuto disperato: "Mi auguro che il Governo metta in agenda questo tema: i piccoli comuni non sono più in grado, data la scarsità di risorse finanziarie e umane, di rispondere al continuo aumento di richieste, sempre più sovrabbondanti rispetto alle funzioni istituzionali proprie di un ente territoriale. I piccoli comuni non ce la fanno più", conclude.

Il post ha ottenuto decine di consensi e il sindaco i plauso unisono della community.

Commenti
Ritratto di mbferno

mbferno

Dom, 10/11/2019 - 16:55

Grande! Ha fatto benissimo. E lo Stato non può rifiutarsi,quindi gli impiegati scaldasedie per un po' avranno qualcosa da fare....buon lavoro.

Ritratto di tomari

tomari

Dom, 10/11/2019 - 16:55

Bravo! Ho fatto lo stesso per una contravvenzione non dovuta, c'erano le lirette, ho pagato con 7000 lire con monete da 10 lire!

cgf

Dom, 10/11/2019 - 17:05

Uno dice che è andata bene perché non supera il limite del contante, ma per quanto ne so, se proprio vogliono pagare in contanti, debbono versarli direttamente presso una filiale della BdI e mi sa che la spesa per arrivarci sia a carico del Paese.

cgf

Dom, 10/11/2019 - 17:06

Uno dice che è andata bene perché non supera il limite del contante, ma per quanto ne so, se proprio vogliono pagare in contanti, debbono versarli direttamente presso una filiale della BdI e mi sa che la spesa per arrivarci sia a carico del Paese. Oppure provate a pagare col bancomat… se per caso LORO avessero un POS!!

Ritratto di navigatore

navigatore

Dom, 10/11/2019 - 17:39

ora devono trovare chi potrà ritirare tale balzello, che per legge è regolare, chieder aiuto ai compagni,loro si che sanno come si maneggia il vil denaro, anche se in monetine

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Dom, 10/11/2019 - 17:43

Questa proprio non l'ho capito. Ma il 5x1000 non va direttamente al numero del codice di ogni associazione? Perchè passa dal Comune? I soldi non sono in mano alla "banca" dell'agenzia delle entrate? Questo mi fa pensare che anche 8x1000 facciano ciò che vogliono rispetto a quello che uno ha destinato! Chi controlla? Ma insomma, chi paga? Se io fossi un'associazione, da chi ricevo la somma?

killkoms

Dom, 10/11/2019 - 18:03

li diano ai migranti!

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Dom, 10/11/2019 - 18:56

non può faRLO è CONTRO LEGGE ALTRO CHE GRANDE..UNA VOLTA ER VIETATO PAGARE IL CAFFè TUTTO CON MONETINE DA 5 LIRE

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Dom, 10/11/2019 - 18:57

mbferno PROVA ANDARE A COMPRARE UNA AUTO CON MONETE DA 20 CENTESIMI POI MI DIRAI SE PUOI.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Dom, 10/11/2019 - 19:06

Non è la prima volta che succede ma... Regolamento CE numero 974/1998, Parte IV, Art. 11: "Ad eccezione dell’autorità emittente e delle persone specificamente designate dalla normativa nazionale dello Stato membro emittente, nessuno è obbligato ad accettare più di cinquanta monete metalliche in un singolo pagamento". Insomma, anche stavolta l'odiata Comutità Europea ci ha preso le misure e il sindaco rischia di rimanere cornuto e mazziato.

rawlivic

Dom, 10/11/2019 - 20:49

ha ha ha ...bell'idea. la prossima multa che prendo, la pago cosi

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Lun, 11/11/2019 - 08:00

Mi sa che sia anche fuorilegge detenere tanta moneta.

Ritratto di Zizzigo

Zizzigo

Lun, 11/11/2019 - 10:46

Bravo Sindaco... ma sei sicuro che i destinatari della lettera siano capaci di leggerla? Perché, da quello che succede, ci sarebbe da dubitare... e, per la giornalista, che data sarebbe "il 0 gennaio 2015", quella che cadde, tra il 2014 e il 2015, esattamente nell'istante di mezzanotte, tra il trentuno dicembre e il primo dell'anno nuovo?

Italianocattolico2

Lun, 11/11/2019 - 12:33

Ripeto ancora : E Conte spende 125.000 euro in un mese per portare in giro 119 portaborse e leccapiedi tra alberghi e ristoranti. !!! VERGOGNATEVI, LADRI !!!! Bravo Sindaco, stia tranquillo che la gente comune è tutta con lei, di qualunque partito sia. Basta con le rapine continue dello stato centrale che poi sperpera 100 (CENTO) miliardi all'anno per le spese correnti. Se qualcuno non si ricorda, parliamo di 200.000 miliardi delle vecchie lire. ANCORA LADRI !!!!