Tav, Digos nella casa del leader Perino

Perquisita l'abitazione del leader No Tav indagato per istigazione a delinquere: acquisito hard disk e memoria del telefono

Tav, Digos nella casa del leader Perino

È stata perquisita questa mattina dalla Digos di Torino la casa di Alberto Perino a Condove in Val Susa. Gli agenti hanno acquisito l’hard disk del suo computer e la scheda di memoria del suo cellulare oltre a diversa documentazione.

Il leader storico del movimento No Tav è indagato nell’ambito di una inchiesta per istigazione a delinquerem dopo la pubblicazione su alcuni siti internet delle targhe di alcuni mezzi pesanti in transito sull’autostrada del Frejus. Benché diretti altrove, i camoio erano "accusati" di trasportare alcune componenti della fresa che sta per entrare in funzione nel cantiere dell’Alta Velocità di Chiomonte. Non è la prima perquisizione a cui viene sottoposto Perino, coinvolto anche in altre inchieste sulla protesta No Tav.

Commenti

Grazie per il tuo commento