Sventa una rapina, finisce accoltellato. Grave un carabiniere

Maurizio Sabbatino, carabiniere della Compagnia Oltre Dora, è stato accoltellato mentre tentava di sventare una rapina. Le sue condizioni sono gravi: è intubato al San Giovanni Bosco

Sventa una rapina, finisce accoltellato. Grave un carabiniere

Maurizio Sabbatino, carabiniere in servizio presso la Compagnia Oltre Dora (Torino) è in gravissime condizioni. Il brigadiere è stato colpito da due coltellate al torace mentre tentava di sventare una rapina. Il militare si trova ricoverato presso l'ospedale San Giovanni Bosco.

I fatti

Non è ancora chiara la dinamica dell'accaduto. Stando a quanto si apprende da fonti a vario titolo, Maurizio Sabbatino, brigadiere in servizio presso la Compagnia Oltre Dora (Torino) è stato colpito da due coltellate mentre tentava di sventare una rapina. Uno dei due fendenti avrebbe interessato un polmone, motivo per cui è stato richiesto l'intervento tempestivo dell'ambulanza. Il militare è stato trasportato all'ospedale San Giovanni Bosco e successivamente intubato. A quanto risulta dai primi accertamenti, pare si trovasse in una farmacia - libero dal servizio - per acquistare medicinali quando si è trovato al cospetto di due rapinatori. I malviventi lo avrebbero colpito con una lama salvo poi dileguarsi dopo l'aggressione.

Il sindaco di Torino: "Fatto gravissimo"

Il sindaco di Torino Stefano Lo Russo ha espresso "piena solidarietà all'Arma dei carabinieri" e la sua profonda vicinanza al brigadiere ferito. "Si tratta di un fatto gravissimo – ha continuato il sindaco -chiederò al comandante provinciale dell'Arma aggiornamenti sulla salute dell'eroico carabiniere, intervenuto con grande spirito di servizio anche se non operativo, che mi auguro possa rimettersi presto".

Usic: "Fatto gravissimo"

"L'Unione sindacale italiana carabinieri (Usic) esprime solidarietà al collega che questa sera a Torino è stato accoltellato mentre tentava di sventare una rapina, nonostante fosse libero dal servizio. L'Usic augura pronta guarigione al collega, il cui sacrificio ribadisce lo spirito che anima ogni carabiniere. Siamo sempre pronti a intervenire, spesso non preoccupandoci di noi stessi, ma anteponendo il bene comune e il senso del dovere alla nostra incolumità. E il collega intervenuto nella farmacia di corso Vercelli, che non ha esitato davanti ai rapinatori, dimostra la vera natura del carabiniere. Forza 'Elvis"'. Lo dichiara in una nota Davide Satta, segretario generale aggiunto dell'Unione sindacale italiana carabinieri (Usic).

Casellati: "Solidarietà al carabiniere ferito"

Anche la presidente del Senato, Elisabetta Casellati, ha espresso la sua vicinanza ai familiari del carabiniere accoltellato a Torino. "Sono molto preoccupata per il carabiniere gravemente ferito a Torino nel tentativo di sventare una rapina. - afferma Elisabetta Casellati - Fuori servizio non ha esitato a mettere a rischio la propria vita. Sono vicina alla famiglia e riconoscente all'Arma dei Carabinieri per il servizio a tutela della comunità".

Montaruli (Fdi): "Chiesto incontro con il questore"

"Da mesi denunciamo una situazione insostenibile nella sesta circoscrizione avvertendo tutte le Autorità competenti della situazione di profonda insicurezza ed illegalità che siamo costretti a sopportare: aggressioni continue, spacciatori ovunque e un sistema di criminalità che si alimenta in rapine come quella odierna che vede vittima un eroico uomo di stato. Il problema è che i questo quartiere di Torino è lo stato che non c'è non i suoi uomini", dichiara la deputata torinese di FdI Augusta Montaruli. "Solo dieci giorni fa chiedevamo un incontro al questore è ancora venerdì eravamo presenti in un presidio per denunciare l'insopportabile. Ora Lamorgese intervenga. - continua Montaruli - Alzi il telefono e metta presidi permanenti delle forze dell'ordine da porta palazzo fino all'imbocco della tangenziale. Solo così potremo avere la speranza di sradicare un cancro che si sta allargando a macchia d'olio mentre le nostre denunce e quelle dei residenti cadono nel vuoto. Al carabiniere gravemente ferito tutta la nostra solidarietà ma non ci stiamo a vedere lacrime ipocrite. Se qualcuno vuol fare qualcosa si unisca alla nostra richiesta al ministero dell'interno di darsi una mossa".

Commenti