Terrorismo, rapirono italiano in Siria: arrestati 6 membri dell’Isis

Sono stati arrestati 6 militanti dell’Isis responsabili di rapimenti di occidentali in Siria, tra cui quello del cooperante italo- svizzero Federico Motka

Dopo complesse indagini durate oltre 5 anni sono stati individuati e arrestati i sequestratori di Federico Motka, cooperante italo-svizzero che fu rapito in Siria nel 2013.

I carabinieri del Ros hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip di Roma, nei confronti di sei militanti appartenenti all'Isis, gravemente indiziati di associazione con finalità di terrorismo internazionale e sequestro di persona a scopo di terrorismo.

Grazie alla preziosa cooperazione giudiziaria e di polizia attivata tra i Paesi europei interessati dal caso, è stato possibile ricostruire le varie fasi del sequestro e identificare buona parte dei componenti del pericoloso gruppo terroristico.

Il provvedimento di custodia cautelare riguarda sei persone, tra cui anche i superstiti dei cosiddetti "Beatles", la cellula jihadista con passaporto britannico salita tristemente alla ribalta internazionale per le orribili torture inflitte ai danni di sequestrati occidentali in Siria. Tra le persone fermate figurano ci sono alcuni terroristi con passaporto francese e belga.

I carabinieri del Ros sono riusciti a risalire alle identità del gruppo che, sotto le bandiere nere del Califfato, a partire dal 2013 avrebbe messo a segno una trentina di sequestri di cittadini occidentali, tra cui anche quello di Motka, rapito nel marzo di cinque anni fa e rimasto nelle mani degli uomini di Al Baghdadi per 14 lunghi mesi.

Allora trentenne, il cooperante italo-svizzero coordinava le attività umanitarie della Ong francese Acted in un campo profughi nella regione di Idlib. Con lui venne rapito anche l'ingegnere britannico David Cawthorne Haines, poi decapitato in un'esecuzione filmata per propaganda nel settembre 2014. Già negli anni precedenti, Motka aveva lavorato in altri territori martoriati dalla guerra e ad alto richio come l'Afghanistan.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mer, 12/12/2018 - 13:36

L'Italia deve proibire la doppia cittadinanza.