Treviso, egiziano aggredisce dipendenti di due alberghi in cui alloggia: denunciato

Un egiziano si è reso responsabile di due distinte aggressioni ai danni di dipendenti di alberghi in cui pernottava. L’uomo, trovato anche in possesso di droga, è stato denunciato

Evidentemente non ama molto le persone che lavorano negli alberghi l’egiziano denunciato dalla polizia di Treviso per un doppio episodio di aggressione ai danni di dipendenti di strutture ricettive. Lo straniero, di 25 anni, ora dovrà rispondere di resistenza a Pubblico ufficiale e di detenzione di sostanze stupefacenti.

Il primo atto si è verificato nella tarda serata di lunedì quando il ragazzo, in evidente stato di alterazione pisco-fisica dovuta all’assunzione di alcol, si è scagliato con veemenza contro un impiegato di un hotel del centro cittadino dove alloggiava.

La vittima, impaurita, ha subito allertato la Sala operativa della Questura che ha inviato sul luogo le Volanti. Gli agenti giunti sul posto hanno immediatamente individuato l’immigrato che, in un impeto di follia, era intento a prendere a calci la vetrata di ingresso della struttura.

I poliziotti, così, si sono avvicinati con cautela all’esagitato ed hanno provato a calmarlo. Tentativo fallito. Il 25enne, infatti, ha continuato nella sua condotta violenta, rifiutandosi anche di fornire i documenti.

A quel punto, per evitare che la situazione degenerasse, gli agenti hanno fermato il giovane e lo hanno accompagnato in Questura per effettuare tutti gli accertamenti del caso. Lo straniero, A.H., è stato deferito all’Autorità giudiziaria per resistenza a Pubblico ufficiale.

Probabilmente, però, la lezione non gli è bastata perchè intorno alle 23 di mercoledì, l’extracomunitario ha concesso un non gradito bis.

L’allarme, questa volta, era giunto da un albergo situato in zona Ospedale a causa di un immigrato che stava aggredendo un dipendente, colpevole solo di sensibilizzare l’inquieto ospite ad avere più rispetto nell’utilizzo della camera affittata.

Alla viste delle forze dell’ordine, il ragazzo ha proseguito con le violenze ponendosi con fare minaccioso nei confronti degli stessi agenti.

Dopo essere stato bloccato, l’uomo è stato condotto, di nuovo, in Questura. Stesse procedure con una unica, e non tanto piccola, eccezione. Durante la perquisizione personale, nei suoi pantaloni sono stati rinvenute e sequestrate due bustine termosaldate contenenti alcuni grammi di marijuana. L’egiziano è stato denunciato anche per detenzione di sostanze stupefacenti.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

kennedy99

Sab, 30/03/2019 - 18:28

sono tutti in stato di alterazione psico- fisica. questi signori colorati quando commettono qualcosa. che siano state le torture libiche? se invece era un italiano era perfettamente lucido e consapevole. cari magistrati spero ne teniate conto di questo. ma ricordate che gli africani sono piu furbi di quanto pensate voi.