Veneto, la cannabis light è come la pizza: ordinata e consegnata a domicilio

I riders portano la cannabis legale casa per casa: l'idea di due coltivatori di Mestre

Veneto, la cannabis light è come la pizza: ordinata e consegnata a domicilio

Prima le pizze, poi panini, zuppe e persino piatti di sushi. Ma ora che è arrivata la cannabis legale e i negozi hanno iniziato a vendere tisane, oli e caramelle alla marijuana, anche i riders si adattano. Così la cannabis arriva direttamente a domicilio.

È l'idea di due 26enni di Mestre, che hanno dato vita a Driving Weed, il primo servizio nato in Veneto che consegna la cannabis legale porta a porta. Secondo quanto racconta il Corriere della Sera, i due ragazzi producono direttamente canapa legale nelle loro serre, rivendendola poi ad aziende che la usano e la lavorano per creare bibite, creme, oli e torte. Ma oltre a questo, i due 26enni hanno avuto un'altra idea: vendere direttamente ai consumatori.

Il progetto era quello di usare le biciclette, per vendere il prodotto porta a porta, ma poi i ragazzi hanno notato di dover prendere la tangenziare, per poter servire tutti i nuovi clienti, che si sono moltiplicati dopo l'azione di volantinaggio: "La prima telefonata è sempre timorosa, poi si capisce che non è troppo diverso dall’ordinare una pizza. Qualcuno chiama chiedendo consiglio, magari perché ha dolori o fatica ad addormentarsi", racconta al Corriere Piero, il 26enne che ha pensato alla consegna a domicilio.

La cannabis light ha una bassa concentrazione di Thc, il principio attivo della sostanza, che causa effetti allucinogeni ed enfatizzanti: in quella legale si trova sotto allo 0,2% (ma è tollerata fino allo 0,6%). Si tratta di una sostanza non stupefacente, ma l'aspetto è del tutto simile alla marijuana. Inoltre, la cannabis legale contiene un'elevata concentrazione di Cbd, che riduce gli effetti psicotici del Thc.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti