La violenza anti green pass: aggrediti militanti di Forza Italia

Alcuni manifestanti anti green pass, a Pescara, hanno assaltato alcuni esponenti di Forza Italia mentre raccoglievano firme per il referendum sulla Giustizia

La violenza anti green pass: aggrediti militanti di Forza Italia

Tensione a Pescara, in Abruzzo, dove i manifestanti contro il green pass hanno aggredito, questo pomeriggio, il senatore di Forza Italia, Nazario Pagano, il presidente del Consiglio regionale Lorenzo Sospiri, il sindaco di Pescara Carlo Masci e il parlamentare Antonio Martino presenti nel gazebo di Forza Italia per raccogliere firme per il referendum sulla giustizia.

"Siamo tutti vicini ai nostri dirigenti e militanti aggrediti a Pescara dai novax mentre raccoglievano firme per i referendum sulla giustizia. Forza Italia non si farà intimidire. Vaccinarsi significa salvare vite umane. Grazie alla Polizia di Stato intervenuta a garantire la raccolta di firme sui referendum da parte dei militanti di Forza Italia a Pescara". Lo scrive su Twitter Antonio Tajani, Coordinatore nazionale di Forza Italia.

L'aggressione

Stando a quanto riferisce IlCentro, l'aggressione agli esponenti locali di Forza Italia si sarebbe verificata poco dopo l'inizio della manifestazione anti green pass. Un gruppo nutrito di dimostranti sarebbe avanzato verso il centro, a Pescara, finendo per assediare la piazza dove, poco distante, era stato allestito un banchetto per la raccolta firme per il referendum sulla giustizia.

Alcuni facinorosi avrebbero puntato dritto al gazebo di Forza Italia, disposto in Corso Umberto, nel tentativo di demolirlo a calci e, verosimilmente, per assaltare il presidente del consiglio regionale Lorenzo Sospiri, il sindaco Carlo Masci e il parlamentare Antonio Martino. Per fortuna, l'intervento tempestivo della polizia ha evitato il peggio sebbene ci siano stati momenti di altissima tensione.

"Si sono avvicinati - ha spiegato all'AGI il senatore di Forza Italia, Nazario Pagano -e hanno iniziato ad urlare e insultare. Poi si sono avvicinati sempre di più, qualcuno ha aggredito verbalmente e poi un paio è venuto a contatto con il banchetto. Nessuno di noi ovviamente ha reagito. La polizia è subito intervenuta per fermarli".

"Solidarietà ai nostri militanti"

Immediata la solidarietà espressa dagli esponenti di Forza Italia ai colleghi abruzzesi. "Solidarietà e vicinanza ai dirigenti e ai militanti di forza_italia aggrediti a Pescara da un gruppo di no-vax. Le manifestazioni sono ovviamente consentite, la violenza e le intemperanze no. Noi ribadiamo con forza le nostre convinzioni: sì al green pass, strumento di libertà", ha scritto su Twitter Maria Stella Gelmini, ministra per gli Affari regionali e le Autonomie.

"Solidarietà agli amici di Forza Italia aggrediti a Pescara da un gruppo di no vax. Vaccini e green pass sono la chiave per salvare la vita dei cittadini e la ripresa economica del Paese. Non ci lasceremo intimidire dalla violenza, sempre inaccettabile", ha aggiunto Renato Brunetta, ministro per la Pubblica Amministrazione.

Sulla vicenda è intervenuta anche Licia Ronzulli, vicepresidente del gruppo Forza Italia al Senato: "Solidarietà ai militanti di Forza Italia aggrediti a Pescara da un gruppo di no vax mentre raccoglievano le firme per i referendum sulla giustizia. - ha scritto la senatrice su Twitter - Non solo nessuno riuscirà ad intimidirci, ma rivendichiamo la giustezza della nostra posizione a tutela della salute pubblica. Diciamo sì ai vaccini per tornare a riprenderci la nostra libertà e per far ripartire finalmente il nostro sistema economico".

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti