Una testata, le mani al collo, poi la violenza: un altro stupro terrorizza Milano

Ennesimo episodio di violenza ai danni di una donna nel milanese sempre per mano di un immigrato marocchino

Una testata, le mani al collo, poi la violenza: un altro stupro terrorizza Milano

Un diciassettenne marocchino ieri notte è stato arrestato a Milano, in Viale Monteceneri, per tentata rapina e violenza sessuale nei confronti di una prostituta di orgini moldave.

I fatti sono iniziati intorno alle due di notte quando il marocchino avvicinatosi alla donna chiedendole una prestazione l'ha poi aggredita tirandole una testata ed un pugno, fino a stringerle le mani intorno al collo e obbligandola ad avere un rapporto sessuale.

La vittima al termine della violenza ha cercato di allontanarsi e di chiedere aiuto con il cellulare, ma il ragazzo accortosi delle sue intenzioni l'ha fermata strattonandola e strappandole il telefono di mano.

Fortunatamente proprio in quel momento nelle vicinanze è passata una pattuglia del nucleo radiomobile che ha notato l'attenggiamento violento del giovane, il quale alla vista dei poliziotti ha cercato di scappare inutilmente.

Non è il primo caso di violenza su una donna da parte di un marocchino nella zona del milanese, l'ultimo è accaduto solo un paio di mesi fa a Rho a discapito di una ragazza di diciassette anni, picchiata e stuprata in un parco. Anche in quel caso l'aggressore era molto giovane, aveva infatti diciannove anni.

Dall'esame osseo del polso è stata confermata l'età dell'aggressore della scorsa notte, che inoltre è stato scoperto avere una lunga lista di identità con le quali era già stato fermato dalle forze dell'ordine.