Davos, Mnuchin attacca Greta: “Prima studi economia, poi venga a darci lezioni”

Il segretario del Tesoro Usa, Steven Mnuchin ha risposto a Greta Thunberg e alla sua richiesta di disinvestire sui combustibili fossili: “Vada al college a studiare economia”

Davos, Mnuchin attacca Greta: “Prima studi economia, poi venga a darci lezioni”

Al World Economic Forum di Davos è andato in scena un duro botta e risposta tra il segretario del Tesoro Usa, Steven Mnuchin, e la giovane attivista Greta Thunberg.

La svedese, che sta portando avanti una incessante battaglia per contrastare il cambiamento climatico, aveva chiesto ai leader mondiali di ridurre la produzione e l'utilizzo di combustibili fossili. All'indomani della richiesta di Greta, Mnuchin ha respinto in blocco le sue affermazioni invitandola ad andare a scuola per studiare economia.

Nel corso di una conferenza stampa, Mnuchin ha prima fatto finta di non sapere chi fosse Thunberg, salvo poi definire le sue preoccupazioni infondate.

Secondo quanto riferisce Bloomberg, alla domanda se il disinvestimento delle società americane produttrici di Co2 potesse rappresentare una minaccia per la crescita degli Stati Uniti, il segretario ha risposto in maniera decisa.

Riferendosi a Greta, senza mai nominarla, Mnuchin si è domandato se quella bambina fosse un'economista: “È lei il capo economista? Sono confuso. Dopo che ha studiato economia al college può tornare e spiegarci tutto quello che vuole”.

Il segretario del Tesoro Usa ha spiegato che le questioni ambientali sono “chiaramente complicate”. Mnuchin ha quindi utilizzato l'esempio delle auto elettriche: “Quando mi è stato permesso di guidare avevo una Tesla. Ho guidato in California. Mi è piaciuto. Ma nessuno si concentra sul modo in cui viene prodotta l'elettricità e su ciò che accade allo stoccaggio di tutte queste batterie”.

I consigli di Mnuchin e Trump a Greta

Le persone che chiedono il disinvestimento, ha poi aggiunto Mnuchin, dovrebbero ricordare che ci sono “problemi economici significativi, problemi con l'occupazione” e che gli Stati Uniti sono leader nella lotta alle emissioni, soprattutto per quanto riguarda il settore privato. Dulcis in fundo, ha concluso il segretario, il presidente Trump crede in un ambiente pulito e ritiene che la vera questione ambientale sia incentrata sulla Cina e sull'India.

Non a caso, nella conferenza stampa che ha concluso la sua partecipazione al World Economic Forum, lo stesso Trump ha invitato Greta a rivolgere la sua attenzione a Paesi che stanno veramente inquinando il mondo. “Credo che debba iniziare a lavorare su altri Paesi” ha detto il tycoon riferendosi all'attivista.

Il clima rappresenta una fake news? Trump ha risposto che “alcuni aspetti lo sono” ma ha fermamente negato che lui non consideri seriamente la questione. In ogni caso “alcune persone portano la cosa ad un livello irrealistico al punto che non si potrebbe vivere la propria vita”.

Commenti