Grazie al Ceta il Canada ci copia il parmigiano

Il Ceta rischia di infliggere una mazzata all'export agroalimentare: lo riportano gli ultimi, preoccupanti dati Coldiretti.

Grazie al Ceta il Canada ci copia il parmigiano

Mentre deve ancora entrare nel vivo la discussione nel governo giallorosso sul Ceta, l'accordo di libero scambio Ue-Canada che l'Italia non ha ancora nè ratificato nè respinto per via parlamentare, e mentre il Ministro dell'Agricoltura, la renziana Teresa Bellanova, apre alla ratifica mentre il Movimento Cinque Stelle rimane più guardingo arrivano dati preoccupanti sugli effetti della liberalizzazione degli scambi nel settore agroalimentare.

A lanciare l'allarme è la sezione bresciana della Coldiretti, presidio dello sviluppo agroalimentare di una delle province italiane più avanzate nel settore, che ha riportato dati sconfortanti sull'export di una delle eccellenze della casearia italiana, il settore dei formaggi. Secondo la Coldiretti bresciana, il cui esponente Ettore Prandini è oggi a capo dell'organizzazione nazionale, il Ceta ha prodotto "un crollo devastante delle esportazioni in Canada di questi simboli agroalimentari del Made in Italy, che si sono ridotte praticamente di un terzo, scendendo a soli 1,4 milioni di chili nel primo semestre del 2019", rispetto al primo semestre 2018.

Il Ceta tutela solo 41 marchi Igp italiani su 291, e lascia fuori marchi tradizionalmente simbolo dell'italianità come il parmigiano e il grana padano, messi all'angolo dal "Parmesan" di bassa qualità prodotto oltre Atlantico. Ma non solo: nell'elaborazione Coldiretti basata su dati Istat emergono preoccupanti notizie sulla contraffazione di ricotta, provolone, mozzarella (solo per quest'ultima 74 milioni di chili!) prodotti sfruttando l'Italian sounding o falsificando il made in Italy.

A due anni dall'entrata in vigore provvisoria, in attesa di una ratifica che per ora impegna solo 15 Paesi su 28 dell'Ue, il Ceta ha colpito anche l’olio di oliva, che registra un duro calo delle esportazioni in Canada, pari al 20% nelle quantità e al 27% in valore. A Ottawa, invece, si festeggia per il decollo delle esportazioni del grano prodotto sul territorio canadese in Europa. Per l'Italia tra gennaio-giugno 2018 e gennaio-giugno 2019 la quantità di grano importata dal Canada è salita addirittura di nove volte a 387 milioni di chili. Bisogna inoltre ricordare che il grano duro canadese è agevolato nella sua pervasività commerciale dai più bassi costi di produzione legati ai laschi standard securitari dell'agricoltura canadese, che il Ceta non ha sanato completamente. Coldiretti denuncia, in particolare, l'ambiguità del Canada sul glifosato, usato in maniera massiccia nell'agricoltura.

Dura, in campo politico, la reazione della Lega. Il Carroccio, con il predecessore della Bellanova Gian Marco Centinaio, ha occupato il Ministero dell'Agricoltura sino a poche settimane fa con una forte postura anti-Ceta e ora attacca per bocca dell'Eurodeputato Luisa Regimenti. La Regimenti ha commentato i dati Coldiretti affermando che "tutto ciò non può che destare profonda preoccupazione tra gli italiani”.

Non sono ancora registrate posizioni di esponenti del Movimento Cinque Stelle sul tema: in attesa di trovare una quadra, la maggioranza giallorossa troverebbe una pietra d'inciampo nel tema Ceta ed è poco realistico pensare che le forze di governo dibattano ora sull'opportunità di ratificarlo. Giorno dopo giorno, a pagare il conto sarà in ogni caso l'economia agroalimentare italiana.

Commenti
Disclaimer
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Pubblica un commento
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette. Qui le norme di comportamento per esteso.
ilGiornale.it Logo Ricarica