Italo rischia di chiudere per il maxi-rosso Covid. In bilico 1.500 addetti

La società dell'Alta velocità penalizzata dalla legge sui distanziamenti. Il taglio ai treni

Italo rischia di spegnere i motori. Le regole Covid imposte dal governo sul distanziamento sociale, con il riempimento dei treni ridotto al 50%, stanno mettendo a dura prova la compagnia privata dell'alta velocità (controllata per il 72,6% dal fondo americano Gip) che ha cambiato il mercato italiano sul fronte della concorrenza. Secondo indiscrezioni raccolte da il Giornale, la perdita del gruppo, che nel primo semestre 2020 era di 200 milioni, rischia di toccare il mezzo miliardo per fine anno.

Deadline alla quale la compagnia presieduta da Luca Cordero di Montezemolo e guidata da Gianbattista La Rocca rischia di non arrivare. Se, infatti, il governo non correrà ai ripari mitigando la legge sul distanziamento (come avvenuto già nel trasporto aereo e nel trasporto pubblico locale), a novembre sarà stop totale. E sul mercato italiano si tornerà indietro di 8 anni, quando l'Av era appannaggio esclusivo di Trenitalia (Fs).

«È sorprendente che il distanziamento sociale rimanga sui treni AV in Italia al contrario di tutto il resto del mondo, compresi Francia, Spagna e la stessa Cina. Cosi facendo, si rischia di distruggere un settore, quello dell'alta velocità in Italia, che è un esempio positivo in tutta Europa», ha commentato Andrea Giuricin, esperto di Trasporti.

Per ora Italo tiene duro e ha riprogrammato i primi stop. Non più a metà settembre, ma il primo ottobre e in maniera più consistente: a fermarsi saranno 27 servizi su 87 (erano 111 nel periodo pre Covid).

Un «alleggerimento», quello studiato dai manager del gruppo ferroviario per limitare i danni, che non risparmierà i servizi no stop Roma-Milano, la linea Milano-Venezia, Venezia-Roma-Napoli e Torino-Reggio Calabria.

In gioco, oltre alla tenuta del mercato e al servizio (il numero dei passeggeri movimentati ogni giorno è precipitato dai 60mila di un anno fa a 18mila), ci sono 1.500 posti di lavoro, 5mila considerando anche l'indotto. Una situazione delicata che ha fatto uscire il governo allo scoperto. Ieri il ministro dei Trasporti Paola De Micheli ha infatti aperto a un possibile cambiamento. «Italo e Trenitalia ci hanno mandato tutta una serie di proposte che abbiamo già valutato ripetutamente: alcune le abbiamo integrate e altre ci sembrano buone per garantire, con un riempimento maggiore, la sicurezza ai passeggeri», ha detto aggiungendo che «tutta questa mole di lavoro la stiamo condividendo col ministero della Sanità e, conseguentemente, col comitato tecnico scientifico per vedere se anche sui treni a lunga percorrenza si può aumentare il riempimento».

Uno spiraglio per Italo che ha sull'Italia un piano di sviluppo ambizioso: in questi giorni sarebbero partiti i test che nei prossimi mesi dovrebbero portare ad estendere la rete su tutta la dorsale Adriatica. Da Ancona fino a Bari, Brindisi e Lecce. Altro nodo da sciogliere al più presto riguarda, poi, le tariffe. Con meno passeggeri, i prezzi non possono infatti essere concorrenziali.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Gio56

Ven, 11/09/2020 - 11:16

Sig Paola De Micheli,sono passati sei mesi dalla prima chiusura totale e ancora non siete riusciti a cavare un ragno dal buco? e per la miseria cher razza di mole di lavoro avete da fare?Tecnici del ministero dei trasporti,tecnici del ministero della sanità,comitato scientifico,non son abbastanza,cavolo riempite un treno di tecnici e si vedete cosa succede,perchè ve ne state seduti alla scrivania.......

Indifferente

Ven, 11/09/2020 - 11:55

Fallisce? Ce ne faremo una ragione. In fondo è un'azienda privata come tantissime altre. Se può fallire il ristoratore sotto casa può fallire pure NTV. In un mercato sano, dove lo Stato non fa assistenzialismo elettorale nè pretende di gestire imprese fallimentari (Alitalia?), ma lavora per migliorare le condizioni generali di impresa (tasse, burocrazia, apprezzamento sociale invece di invidia) i 1500/5000 lavoratori troverebbero subito un altro datore di lavoro.

graffio2018

Ven, 11/09/2020 - 12:00

a in teoria, se si riduce la capacità di carico dei treni, non dovrebbero esserci più treni per portare anche i passeggeri che altrimenti rimarrebbero a terra?

Ritratto di 98NARE

98NARE

Ven, 11/09/2020 - 12:02

la gente non sale sui treni/sui bus ecc, solo per un motivo, Non si fida , ieri su un bus dove sono salito , in fondo , 10 persone senza mascherina, allora autista blocca il bus, passano 15 minuti di polemiche, poi i defic***i si rimettono la mascherina. Morale, arrivati in stazione con 25 minuti di ritardo, treno perso, gente incavolata, per cosa, 10/15 IDIOTI, funziona cosi' ogni giorno.