Emergenza Rom Invasione in città E i più piccoli giocano ai ladri

La città è sotto assedio. Da ponente a levante, senza risparmiare il centro, i nomadi si moltiplicano e la loro presenza sempre più spesso si rileva molesta ai cittadini: mendicanti a ogni supermercato, lavavetri a semafori e incroci. A Cornigliano, dove pure il parroco aveva chiesto aiuto per arginare il fenomeno zingari, ieri Forza Nuova ha organizzato una manifestazione in piazza Massena, dispiegando un lungo striscione con la scritta: «Degrado - Rom - Dissocupazione. Grazie Vincenzi, grazie Scidone». E soltanto ieri la polizia è intervenuta, con il personale del Comune, per sgombrare alcuni caravans che da giorni stazionavano in piazzale Kennedy. È di ieri anche l’ennesimo «fermo» di due rom, di 11 e 13 anni, per i quali rubare o rapinare è diventata una specie di gioco. I due ormai conoscono il copione a memoria, sosta negli uffici della questura o dei commissariati cittadini per le segnalazioni di rito, e affidamento ad un centro di accoglienza dal quale scappano. Ieri sono entrati in una tabaccheria del centro cittadino chiedendo delle sigarette e quando la commerciante si è rifiutata, hanno preso a frugare nella borsa della donna, riposta dietro il bancone, prendendole il portafogli. I due, acciuffati poco dopo dalla polizia, sono stati nuovamente affidati ai servizi sociali del Comune. Una rumena di 36 anni ha invece rubato un paio di scarpe in negozio di via Rivarolo.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti