Sport

Fiorentina, tre gol non bastano Robben lancia il Bayern ai quarti

I viola, sconfitti 2-1 all'andata, in vantaggio 2-0. Accorcia Van Bommel. Jovetic segna il 3-1, ma una magia di Robben esclude i viola

Fiorentina, tre gol non bastano 
Robben lancia il Bayern ai quarti

Firenze - All'andata l'arbitro. Al ritorno Robben. I quarti di finale restano un miraggio per la Fiorentina nonostante una prestazione grintosa e convincente. Tre i gol segnati dai viola. Doppio vantaggio, poi 3-1. Ma una magia di Robben al 21' del secondo tempo condanna la squadra di Prandelli all'eliminazione. Fin lì sembrava tutto perfetto. Il primo tempo controllato. Il vantaggio al 28' con la saetta sotto l'incrocio di Vargas, che raccoglie la deviazione di Butt (su sberla da lontano di Marchionni) bruciando Van Buyten. Poi il raddoppio con un'azione da grandissima squadra in avvio di ripresa. Il cross basso di Marchionni, il tacco di Gilardino a smarcare Jovetic e il colpo da biliardo del montenegrino a piazzare il 2-0. E poi la difesa. Che fin lì aveva tenuto alla grande. Natali e Kroldrup due colonne prima contro Gomez poi contro Klose. De Silvestri e Felipe attentissimi nella guardia sui due satanassi del Bayern, Robben a sinistra e Ribery a destra. Il gol del 2-1 arriva con una magata di Ribery. Il francese attira quattro difensori sulla fascia, poi riesce a scaricare indietro per Van Bommel. L'olandese, capitano dei bavaresi, da 20 metri infila il piattone preciso all'angolino. Frey si tuffa, ma il pallone, che sembra calciato al rallentatore, si infila beffardo.

Reazione viola Ma passano al massimo 4'. Lancio dalla difesa di Vargas, Jovetic corre per 40 metri, poi raccoglie il pallone e ne fa altri 20. In qualche modo serve alto per Gilardino. L'attaccante viola (che ha sulla coscienza una deviazione facile da due metri sparata su Butt al 5' della ripresa) va in cielo e di testa piazza basso sulla corsa del montenegrino. Jo-Jo brucia ancora Van Buyten, come Vargas sul primo gol, e infila Butt sotto le gambe. Il Franchi esplode di gioia. Sembra fatta, i quarti di finale nonostante tutto. Nonostante Ovrebo all'andata. E invece passano solo due minuti e l'urlo si strozza in gola. Robben riceve a destra. Lascia sul posto Felipe e rientra verso il vertice dell'area. Salta altri tre difensori e lascia partire un missile di sinistro che si infila all'incrocio. Frey vola, ma non ci arriva. E' il 3-2 che regala la qualificazione ai bavaresi. I viola ci provano ancora, ma ottengono ben poco. Il colpo al morale e all'autostima è troppo doloroso. Passa il Bayern. Applausi alla Fiorentina, che si è giocata tutte le sue possibilià. Via il cappello davanti a Robben e a Ribery: campioni straordinari.

Commenti