Artigiano si dà fuoco e muore

Aveva pensato e forse si era illuso che il Movimento Cinque Stelle, forte del successo elettorale, riuscisse davvero a cambiare le cose. Anche per lui, anzi, proprio per lui. E così, dopo il risultato delle elezioni, era andato fin sotto casa di Beppe Grillo per incontrarlo e davanti alle telecamere dei reporter che in quei giorni assediavano la villa di Sant'Ilario aveva raccontanto il periodo difficile che stava attraversando. Ma poi le cose sono andate sempre peggio e quella boccata di ossigeno in cui sperava, non è mai arrivata. Non ha retto più e ieri mattina, si è dato fuoco con la benzina a Vado Ligure. È morto così, avvolto dalle fiamme, un imprenditore di 47 anni, titolare di un laboratorio edile a Cadibona, nell' entroterra savonese, l'ultimo solo in ordine cronologico dei tanti suicidi per la crisi che quest'anno ha fatto vittime in tutt'Italia. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri e dalla polizia municipale, l'uomo si sarebbe cosparso il corpo di liquido infiammabile e avrebbe appiccato il fuoco nella piazza principale della cittadina. Sul posto il 118 e i vigili del Fuoco, ma per l'uomo non c'è stato nulla da fare. Intanto la confederazione nazionale artigianato e piccola media impresa della Liguria ha attivato un servizio (348.9446974) per sostenere e consigliare artigiani e imprenditori attivo 24 ore su 24 a cui risponde uno psicologo.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento