«Impareremo a rispettare la Terra ma prima abbattiamo l'ignoranza»

Nadia De Felice, frequenta il quarto liceo scientifico al Pier Paolo Pasolini di Potenza. È stata scelta dalla professoressa di Scienze e dal preside, assieme ad altri due compagni, per ascoltare in streaming i 32 esperti di fama internazionale. «È stata un'opportunità per maturare, per accrescere le mie nozioni scientifiche e per sviluppare una coscienza più attenta alle questioni ambientali» ammette lei pochi minuti prima delle prove generali.
Cosa avete appofondito?
«Il cambiamento climatico del Pianeta e le ripercussioni sull'ambiente».
Cosa avete imparato?
«Che gli abitanti sciupano molte risorse ma questa mentalità poco attenta non si può stravolgere da un momento all'altro. I cambiamenti epocali hanno bisogno di tempo».
E poi?
«C'è molta ignoranza: si pensa che l'energia sia libera e senza costi. Non è così»
C'è qualcosa che noi tutti possiamo fare per contenere gli sprechi?
«Certamente: dal chiudere il rubinetto dell'acqua quando ci si spazzola i denti allo staccare il carica-cellulare dalla presa, quando non lo si usa».
Farà l'università?
«L'anno prossimo mi piacerebbe iscrivermi alla facoltà di Ingegneria, al Politecnico di Milano».

Commenti