Dalla guerra d'Abissinia al VajontEcco cosa paghiamo con le accise

Dagli anni '30 in poi il rialzo delle accise sul carburante è stato uno dei sistemi privilegiati per ottenere fondi in caso di calamità e situazioni straordinarie

Dopo il terremoto in Emilia, che ha causato diciassette vittime e notevoli danni agli edifici, radendo al suolo quasi completamente alcuni paesi, a partire da Cavezzo, il governo pensa alla ricostruzione e per stanziare i fondi necessari ricorre a un sistema per nulla nuovo, ovvero all'ennesimo aumento delle accise sul carburante.

Un aumento che inciderà di due centesimi su ogni litro di benzina e che va ad aggiungersi a una serie di tasse imposte nel corso del tempo sul costo del carburante. A pesare aumenti che, andando indietro nel tempo, risalgono fino all'aumento da 1,90 lire deciso in concomitanza con la guerra di Abissinia, come pagamento per le spese militari.

Il primo aumento risale dunque al 1935, ma è soltanto il primo di una lunga serie. A questo bisogna aggiungere le 14 lire di incremento legate alla crisi di Suez (1956), le 10 lire per il Vajont (1963). E ancora, l'aumento delle accise fu utilizzato come soluzione in caso d'emergenza nel 1966 (+10 lire per l'alluvione di Firenze), nel 1969 (+10 lire per il terremoto del Belice), nel 1976 (+99 lire per il terremoto del Friuli).

E per pagare i danni dei terremoti fu utilizzato anche in seguito. Nel 1980 si decise un aumento da 75 lire per il terremoto dell'Irpinia.

100 lire furono aggiunte per finanziare la missione italiana in Libano nel 1982 (altre 105 l'anno successivo). Nel 1996 un incremento di 22 lire sulle accise servì ad aiutare la missione in Bosnia, Nel 2003 l'aumento (da 0,017 euro) per il contratto degli autoferrotranvieri. Nel 2005 0,005 euro vennerò aggiunti per il rinnovo degli autobus pubblici.

2011, sei aumenti in dodici mesi

Gli ultimi interventi legati alle accise risalgono all'anno scorso. Nel solo 2011 le accise salirono cinque volte: il 6 aprile (+0,0073 euro) per finanziare il Fondo Unico per lo Spettacolo, l'1 giugno  (+0,0400 euro) per l'emergenza immigrati, il'1 luglio (+0,0019 euro) per finanziamento nuovamente il FUS, l'1 novembre (+0,0089 euro) come contributo per la ricostruzione legata alle alluvioni in Toscana e Liguria. E infine il 6 dicembre (+0,0820 euro), con il decreto cosiddetto "Salva Italia".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

maryforever

Mer, 30/05/2012 - 20:20

DOPO OTTANTA ANNI, SI CONTINUA A SUCCHIARE IL SANGUE AI POVERI ITALIANI CHE NON CONOSCONO NEANCHE COSA VUOL DIRE ABISSINIA. Cosa vuol dire ancora crisi di zuez????? da quel tempo che est finita .lla crisi. per quanto riguarda il vajont, mi sembra che ormai sia tornato tutto normale, per tutto l'elenco che viene appresso, mi sembra che si potrebbe cominciare a segare qualche cosa. purtroppo, quando non c'e' volonta', tutto si ritorcera' sugli italiani , ma il loro tornaconto non si tocca. guai a toccare il rimborso ai partiti, quella e' una fonte inesauribile dove tutti i disonesti si abbeverano.aboliamo anche le comunita' montane che sorgono in riva al mare( vedi sicilia) IL CLIENTELISMO IMPERA, per avere due voti sporchi, si riesce perfino a VENDERE L'ITALIA.

ronnie

Mer, 30/05/2012 - 20:40

Il primo governo che eliminerà le vecchie sorpassate accise, a cominciare dalle prime fino ad arrivare un po' alla volta alle più recenti, avrà la mia eterna gratitudine. Ma ciò non si concretizzerà mai quindi riserverò la mia gratitudine ad altri lidi. Senza contare che l'accisa che risale alla guerra di Abissinia, frutto di un regime che non esiste più, ben prima della Repubblica e della Costituzione, se non è palesemente illeggittima poco ci manca.

gianni.g699

Mer, 30/05/2012 - 21:06

Grande stratega e tecnico in economia !!! smonti killer ha partorito l'ennesima ideona !!! aumento delle tasse per far fronte alle emergenze !!! il paese affonda la gente muore di fame il terremoto inginocchia l'economia e il grande anzi grandissimo professorone ( boia massonico assassino di stato ) ci inonda di nuove tasse !!! della serie o muori da solo o ti uccido io !!! ... PS non si levano un privilegio e/o un soldo di tasca nemmeno se gli spari !!! sono degli schifosi senza faccia e senza vergogna !!! e gli itaGLiani subiscono in silenzio !!!

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mer, 30/05/2012 - 22:14

A tutti quei gonzi che obiettano che il "proffessore" (volutamente con due "f") ha, però, rinunciato agli emolumenti dovutigli in quanto primo ministro, faccio presente che il suddetto non ha minimamente rinunciato al suo appannaggio di senatore a vita, di entità incomparabilmente maggiore. 25000 euro lordi mensili.

diego_piego

Mer, 30/05/2012 - 22:59

#4 Memphis35. mi spieghi che cosa significa scrivere volutamente professore con due ff?

Ritratto di franco@Trier

franco@Trier

Lun, 28/01/2013 - 18:49

diego sei duro però