Silvio Berlusconi: "Serve la maggioranza assoluta per fare le riforme istituzionali"

Berlusconi: "Voglio andare in giro per l’Italia sperando che non vogliano chiudere la bocca al leader dell’opposizione"

Silvio Berlusconi: "Serve la maggioranza assoluta per fare le riforme istituzionali"

La ripresa è stoppata dalla cattiva politica e la condizione fondamentale per governare il Paese è la riforma dell'assetto istituzionale: "Serve la maggioranza assoluta in Parlamento per cambiare l’assetto istituzionale del Paese, che è ingovernabile". Silvio Berlusconi, al telefono col direttore del Tg5 Clemente Mimun, rilancia e guarda al 2014. Il Cavaliere guarda avanti ed è già in campagna elettorale: "Voglio andare in giro per l’Italia sperando che non vogliano chiudere la bocca al leader dell’opposizione democratica del Paese".

"I dati economici sono negativi. Lo dimostra il Natale di quest’anno che è stato dimesso: c’è paura e sfiducia. Solo con meno spese e con meno tasse potremo avviarci verso la ripresa", ha spiegato il leader di Forza Italia. Poi torna a bomba sulla politica: "Gli italiani imparino a votare, senza disperdere il voto, rendendo il Paese governabile. Serve la maggioranza assoluta in Parlamento per cambiare l’assetto istituzionale del Paese, che è ingovernabile. Il miglior sistema elettorale è quello bipolare, sul modello Usa". I piccoli partiti - ha aggiunto - non mi hanno mai consentito di varare le grandi riforme che servono all’Italia".

"Io sono l’unico ostacolo alla conquista del potere da parte della sinistra - ha ribadito l'ex premier -. Contro di me c’è stata una vendetta giudiziaria per aver impedito alla sinistra di prendere il potere". Tuttavia, ha aggiunto, "la gente nutre ancora molto affetto nei miei confronti. In questi giorni ho ricevuto molte testimonianze di vicinanza". Poi il Cavaliere torna sulle tasse: "A sinistra, gira e rigira, torna sempre a galla l’idea della patrimoniale e di nuove tasse. La novità non si misura dall’anagrafe, ma sulle idee".

In serata il Cavaliere torna a parlare con un intervento telefonico durante la riunione del Club Forza Silvio di Torino: "Sono un vecchietto, ma non posso permettermi di finire la mia avventura umana, di uomo diimpresa, di sport e di Stato, da perdente. Per questo mi buttero nella follia (dei club Forza Silvio, ndr) con tutte le energie di cui sono ancora capace per dare al mio Paese un governo liberale che garantisca tutti quei diritti che oggi non sono garantiti".

La strategia di Berlusconi è puntare ai delusi del Movimento Cinque Stelle nel tentativo di conquistare la maggioranza dei voti. "Quelli del M5S sono contattabili perchè non hanno un’antica affezione a questo Movimento, che è nuovo e soprattutto perchè sono molto delusi e disgustati dai parlamentari che Grillo ha mandato alle Camere e sono delusi del loro comportamento. I sondaggi ggi dicono che il 40-41% è fatto da persone disgustate, deluse, indecise che non vogliono andare a votare e se lo faranno lasceranno nell’urna una scheda bianca; il restante 60% è grossomodo diviso tra tre fasce: noi, il Pd, M5S. Quelli del Pd è inutile contattarli perchè sono teste dure, invece quelli del M5S sono contattabili perchè non hanno un’antica affezione a questo Movimento che è nuovo e soprattutto perchè sono molto delusi e disgustati dai parlamentari che Grillo ha mandato alle Camere e sono delusi del loro comportamento".

Commenti