Cantieri M4 operativi al 30%, si rischia lo stop. E Forza Italia prova a fermare l'invio di multe

Oggi incontro capigruppo-sindaco, ogni settimana partono 40mila verbali

Il cronoprogramma della M4 rischia di slittare ancora. Con la città in quarantena anche le presenze nei cantieri della futura linea blu si sono gradualmente ridotte, l'assessore alla Mobilità ha scritto su Facebook che i lavori oggi sono «operativi al 30%, vedremo nei prossimi giorni». Che ci siano valutazioni in corso lo aveva anticipato anche il sindaco Beppe Sala: «Non so se riusciremo a proseguire con i lavori», potrebbe essere necessario uno stop che ovviamente porterà a rivedere i piani di inaugurazione della linea per step, il primo l'apertura tra aeroporto di Linate e la fermata di Forlanini Fs entro gennaio 2021, un tratto che nei programmi originali doveva essere pronto addirittura per Expo 2015, la tratta completa fino a San Cristoforo dovrebbe circolare entro luglio 2023. Granelli ha sottolineato che Milano «era piena di cantieri e lavori, e tanti stavano per iniziare. Ora è arrivato il coronavirus. Che fare? Fermare tutto o andare avanti? Continuare il lavoro, tenere accesa una possibilità ed essere preparati per ripartire presto, ma avendo ben chiaro che dobbiamo evitare il contagio e contrastare il virus e quindi scegliere tutte le modalità possibili organizzative e con i presidi giusti. Perche dobbiamo tutelare i lavoratori e fermare la diffusione del virus». Fa presente che dopo il decreto dell'11 marzo che ha imposto restrizioni strettissime «ci abbiamo lavorato in questi giorni, sentendo le imprese coinvolte, cercando con i nostri dirigenti le strade giuste, valutando caso per caso, sospendendo dove necessario, cercando come andare avanti dove possibile. Continueremo nei prossimi giorni. Intanto speriamo che alcuni cantieri di asfaltature di alcune strade dove lavorano soprattutto macchinari, oppure nelle scuole chiuse, anche alcuni lavori dell'acquedotto, nei cortili delle case popolari o per fare manutenzione nella sede della Protezione civile possiamo riuscire a mandarlo avanti». Partiranno oggi almeno i lavori sul ponte ferroviario di via Imbonati, oggetto di un importante intervento di manutenzione da parte di Rfi. Il cantiere durerà 6 mesi, termine previsto per il 16 settembre.

E oggi primo incontro tra i capigruppo e il sindaco (o la vice Anna Scavuzzo) sulle misure da mettere in campo per aiutare famiglie e imprese. Forza Italia, anticipa Fabrizio De Pasquale, chiederà che siano garantite mascherine a vigili, agenti di stazione Atm, taxi, addetti ai servizi domiciliari. E pone il tema multe: «Il Mef non ha ancora pubblicato il decreto che fa slittare termini per riscossione e multe. Ogni settimana partono 40mila verbali e senza proroga il Comune inviarle anche se poste e portinerie sono a mezzo servizio e molti fanno fatica a pagare».

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.