Nei campi rom nessuno paga: così la sinistra si fa prendere in giro

La denuncia della consigliera della Lega, Silvia Sardone: "È l'ennesima vergogna per una sinistra che continua a farsi prendere in giro dai nomadi"

Di campi rom abusivi o comunali, a Milano ce ne sono parecchi. Ma la differenza quasi non si vede, dato che in entrambi i casi, chi li abita delinque: nel primo caso sono irregolari e non autorizzati, mentre nel secondo non pagano l'affitto.

Resistono ancora gli insediamenti rom abusivi di via Vaiano Valle, via Cusago e via Monte Bisbino e Bonfadini. Accanto a questi, però, ci sono i campi regolari, cinque per la precisione, situati in via Negrotto, via Bonfadini, via Chiesa Rossa, via Martirano e via Impastato, aperti tra il 1987 e il 2003, come ricorda Libero. Peccato che, anche qui, non tutti seguano le regole come dovrebbero e spesso non pagano l'affitto al Comune.

A denunciare la situazione è stata Silvia Sardone, consigliere comunale ed europarlamentare della Lega, che ha rivelato: "Dal 2016 a oggi nel campo rom di via Bonfadini la morosità delle famiglie insolventi ammonta a oltre 31mila euro; nello stesso periodo, nel campo rom di via Negrotto, si è registrata una morosità di poco inferiore ai 30mila euro". Cifre che arrivano dall'amministrazione comunale, che ha risposto a due interrogazioni della consigliera. Più di 60mila euro di ammanco quindi, solo considerando due campi rom. Ma non sono solo i rom di via Bonfandini e Negrotto ad essere morosi. La situazione, infatti, si aggiunge a quella del Villaggio Martirano, che nel giugno del 2014 venne definito il migliore d'Europa. Peccato che solo il 20% degli abitanti abbiano pagato la propria quota d'affitto. Poi c'è l'insediamento di via Chiesa Rossa, dove "solo una famiglia su 47 è in regola con i pagamenti".

E la Sardone va all'attacco della sinistra: "La giunta Sala si riempie la bocca con l'integrazione, l'inclusione, l'accoglienza, ma in cambio riceve solo schiaffi. È l'ennesima vergogna per una sinistra che continua a farsi prendere in giro dai nomadi". Ma adesso, sottolinea l'esponente del Carroccio, "è ora di dire basta" e si chiede: "Gli anziani, gli invalidi e le persone in difficoltà economica che vivono nelle case popolari sono costretti a farsi in quattro per pagare le bollette, mentre i rom sono liberi di non pagare a cuor leggero?".

C'è poi un altro aspetto poco chiaro, che emerge dai dati dell'amministrazione, secondo quanto rivela la Sardone: "Il Comune scrive che nel campo di via Bonfadini sono 4 su 9 le famiglie in regola, mentre nel campo di via Negrotto sono 10 su 15: io in questi insediamenti ci sono stata più volte e posso garantire che in Bonfadini le piazzole sono molte più di 9 e in Negrotto molte più di 15". Numeri, quindi, che non corrisponderebbero alla realtà: "Del resto, nell'ultimo censimento di Palazzo Marino diffuso a maggio 2018 si legge che in via Bonfadini ci sono 40 famiglie e in via Negrotto 27. I conti non tornano: forse perché il saldo è formato da abusivi? Se così fosse sarebbe gravissimo".

Infine, la consigliera leghista chiude con un attacco al sindaco Beppe Sala: "Aveva promesso di superare i campi: non solo non c'è stato mezzo sgombero, ma addirittura ogni volta che indago sui rom a Milano scopro numeri e informazioni scandalose e irrispettose per tutti i cittadini milanesi".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

detto-fra-noi

Ven, 06/12/2019 - 11:01

la sinistra ci guadagna sopra.

beppe61

Ven, 06/12/2019 - 11:05

I campi Rom ormai sono dei paesi abusivi , di questo passo diventeranno piccole città dove la legge non esiste e detteranno la loro legge anche altrove , i politici devono smetterla di assecondare gruppi etnici prepotenti che creano solo danni e problemi i quali hanno il coraggio di pretendere la casa dallo stato che stupidamente continua a regalare , poi non ci si può meravigliare se alcune famiglie in attesa di alloggio regolare si appropriano abusivamente di un locale.

Epietro

Ven, 06/12/2019 - 11:10

"Si fanno prendere in giro dai nomadi"? Oppure è un modo utile per acquisire il voto dei nomadi a spese della la comunità cittadina?

Una-mattina-mi-...

Ven, 06/12/2019 - 11:19

LA SINISTRA SI BASA SUL CHAOS: PIU' E' GRANDE, E PIU' I COMUNISTI INGRASSANO

jaguar

Ven, 06/12/2019 - 11:23

Quando mai i rom hanno pagato? Comunque fanno bene, fin che ci sono i polli che pagano per loro.

perseveranza

Ven, 06/12/2019 - 11:40

I rom non prendono in giro la sinistra, prendono in giro tutti gli italiani.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Ven, 06/12/2019 - 11:44

Non è vero che i rom non pagano. Non pagano con i soldi ma con il voto si.

anna.53

Ven, 06/12/2019 - 12:24

Allora se c'è una percentuale di loro che paga, Sardone dica che 'una parte' (cospicua) dei nomadi prende in giro il Comune (e i cittadini milanesi) , non 'la generalità dei nomadi'. Occorre che i 'progetti' anche in questo campo abbiano serietà e educhino tutti alla cittadinanza. Così sono una demagogica facciata di (mancata) integrazione

momomomo

Ven, 06/12/2019 - 12:35

..."...la sinistra si fa prendere in giro..."... Che si fa prendere in giro la sinistra son affari suoi, ma perché vuol prendere in giro pure gli altri !?

VittorioMar

Ven, 06/12/2019 - 13:16

...Perche' la leghista SARDONI crea problemi se ai MILANESI e alla SARDINE MILANESI VA' BENE COSI' ??...che poi in COMUNE si ARRABBIANO se si scoprono queste VERITA'e....non certo da oggi...chiedete alle passate Amministrazioni...qualcuno ha fatto la sua Carriera Politica su queste "OMISSIONI"...!!