Più orti urbani Proposta di Mascaretti: «Contro il degrado aree verdi ai cittadini»

GRATIS I beni sequestrati alla ’ndrangheta vengono affidati attraverso bandi a onlus e cooperative

Orti urbani contro il degrado. «Ho chiesto alla giunta che siano individuate tutte le aree nelle quali è possibile realizzare orti, soprattutto quelle aree verdi nelle quali non è possibile fare manutenzione e il rischio degrado è alto perché siano date in gestione ai cittadini come orti», spiega l’assessore alle Aree cittadine Andrea Mascaretti. Che ha pensato anche «al possibile intervento di sponsor privati che abbiano voglia di intervenire per occuparsi della bonifica e delle infrastrutture. Si tratta di interventi costosi, per i quali credo che il concorso dei privati servirà». Nel progetto Mascaretti vede la possibilità di trasformare il capoluogo lombardo, da qui al 2015, anno di Expo, in una vera «città degli orti», tema su cui si era espresso anche il sindaco Letizia Moratti lo scorso luglio, in occasione degli Stati Generali di Expo. In città, ha raccontato Mascaretti, quella degli orti comunali è un’esperienza che pare funzionare: «Si tratta di un intervento rivolto a una categoria precisa di persone. Circa l’80% degli orti viene assegnato, tramite bando, ad anziani. La valenza sociale è doppia: si dà la possibilità a chi è in pensione di mantenersi in attività e di portare direttamente in tavola i prodotti limitando le spese».

Commenti