Sala: "I cittadini collaborino". La Lega: "Il Consiglio riparta"

Il sindaco contro Salvini e De Luca: "Abbiamo finito ruspe e lanciafiamme, meglio la responsabilità"

Sala: "I cittadini collaborino". La Lega: "Il Consiglio riparta"

«Stiamo incrociando tutti i dati che ci arrivano e scientificamente, con l'aiuto di alcuni ricercatori, calcoliamo il tasso R0. Sappiamo che in questo momento in Italia il tasso è 0,80, il tasso R0 della Lombardia è 0,75, ogni persona contagia 0,75 persone, l'importante è rimanere sotto l'1». Così a Sky tg24 il vicepresidente della Regione Lombardia, Fabrizio Sala. «Dobbiamo rimanere al di sotto di questo parametro, è il compito di tutti noi, di tutti i cittadini».

L'epidemia sta scemando, ma il rischio è dietro l'angolo. Questo il senso del messaggio del sindaco Beppe Sala di ieri a proposito della segnalazione di un video in cui si vede un deejay che «spara» musica a tutto volume da una finestra in via Nino Bixio e ragazzi che ballano in strada. «Ieri impazzava in rete un video in cui in via Nino Bixio al primo piano di una casa dietro la finestra aperta c'erano un paio di deejay che mettevano musica a palla e sotto gente che ballava e anche un tassista che aveva fermato la macchina ed era sceso. Ora ai due deejay, o presunti tali, voglio dire che la via non è vostra e la città non è vostra. Ieri abbiamo mandato un controllo ed è partita una diffida e la prossima volta non sarà solo una diffida. Alle ragazze e ragazzi sotto dico usiamo semplicemente la testa perché non siete sul set di Grease o siccome siete giovani di La la Land. Questo è il momento in cui bisogna usare la testa». Sala ne ha approfittato per polemizzare col leader della Lega Matteo Salvini e il governatore della Campania Vincenzo De Luca, invitandoli a seguire la «via milanese» della responsabilità e della collaborazione per la Fase 2. «È sbagliato dividersi tra buoni e cattivi. Dobbiamo vincere insieme. Le ruspe e i lanciafiamme sono finiti- ha ironizzato -: li hanno usati tutti Salvini e De Luca».

«Mi risulta che l'episodio di via Bixio non si sia verificato solo ieri, ma anche altre volte. Al di là di quello, sarebbe opportuno che quando si è a conoscenza di certi episodi le Autorità non debbano limitarsi a un richiamo verbale - commenta il consigliere comunale di Fi Alessandro De Chirico -. Per evitare il rischio di emulazione certi comportamenti non vanno derubricati nella categoria bravata. Nelle teste degli incivili - afferma De Chirico - potrebbe innescarsi quel ragionamento contorto per cui Tanto se faccio una sciocchezza mal che vada il sindaco mi fa la ramanzina social».

«Sala si è tolto la grana del Consiglio Comunale, ancora virtuale malgrado la riapertura. Cassieri, dipendenti Atm, vigili o panettieri vanno al lavoro ma i consiglieri comunali stanno a casina. Visto che il fulcro della politica è il dibattito si torni all'Agorà» l'invito di Alessandro Morelli, capogruppo della Lega a Palazzo Marino.

Commenti