Accusa alla Francia: "Respinge illegalmente migranti in Italia"

Una serie di ong francesi protestano: "A novembre diversi minori sono stati respinti illegalmente oltre la frontiera italiana", in violazione delle leggi vigenti

Accusa alla Francia: "Respinge illegalmente migranti in Italia"

Che la Francia non si facesse troppi problemi a respingere i migranti in Italia anche con le maniere spicce lo avevamo capito da tempo.

Questa volta però il fatto sarebbe di una gravità inaudita: gli agenti di polizia transalpini avrebbero respinto in Italia dei migranti minorenni. A lanciare l'accusa una serie di ong francesi, fra cui la Lega di Francia per i diritti umani, la Rete per l'educazione senza frontiere (Resf), Amnesty International, Cimade e l'associazione di categoria degli avvocati francese SAF: una lunga lista di sigle che in una conferenza stampa a Nizza hanno denunciato qualcosa che, se provato, avrebbe dell'incredibile.

I fatti risalirebbero all'11 novembre scorso, quando un gruppo di minori stranieri avrebbe chiesto protezione al centro di servizi per minorenni di Breuil-Sur-Roya, in territorio francese ma ai confini con l'Italia, a soli 24km da Ventimiglia. Qui, riferisce l'avvocato Mireille Damiano, "otto minori sarebbero stati accolti, ma altri quattro sarebbero stati rispediti illegalmente in Italia dalla polizia".

L'associazione ha denunciato le autorità transalpine per "abusi illegali del processo" anche in riferimento ai fatti che si sarebbero verificati anche il 12 novembre quando, sempre secondo la ricostruzioni delle ong, altre 58 persone avrebbero presentato richiesta di protezione internazionale, venendo per la maggior parte rispedite nel nostro Paese senza tante cerimonie.

Secondo gli autori della denuncia questi rimpatri sarebbero avvenuti sommariamente, senza passare per la procedura di riammissione come sarebbe invece previsto dalla legge. Lunedì scorso però il prosecutore di Nizza Jean-Michel Pretre aveva ricordato che dopo gli attentati di Parigi del novembre 2015 i confini della Francia sono chiusi e pertanto chi si introduce illegalmente nel Paese è da considerarsi come se non vi fosse mai entrato: "Queste persone vanno immediatamente respinte, siano essi adulti o minori".

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento