Deliri su senzatetto e donne: chi è il killer della metro di New York

Frank R. James viene da Philadelphia ed è afroamericano. Il suo nome è stato ritrovato su una carta di credito rinvenuta vicino al luogo della sparatoria

Deliri su senzatetto e donne: chi è il killer della metro di New York

Tradito dalla carta di credito persa durante la fuga. La polizia ha identificato l'uomo sospettato di essere il responsabile della sparatoria avvenuta nella metropolitana di Brooklyn, a New York. Si tratterebbe di Frank R. James, 62 anni, ancora in fuga e considerato pericoloso.

Chi è il presunto autore della sparatoria

Frank R. James viene da Philadelphia ed è afroamericano, come indicato dalle prime testimonianze di chi era presente nel vagone dove è avvenuta la mattanza. Sappiamo che ha utilizzato la carta di credito ritrovata per noleggiare un furgone legato all'attacco. Il mezzo è stato ritrovato non distante dalla stazione di Sunset Park, proprio a Brooklyn. Per sparare ha utilizzato una Glock, pistola semiautomatica.

La caccia all'uomo dura ormai da ore. Sulle tracce dell'assalitore troviamo la polizia di New York e pure l'Fbi. In un tweet, proprio la polizia di New York lo ha descritto come una "persona di interesse in merito alla sparatoria avvenuta nella stazione di Brooklyn" e chiede a chi ha informazioni di riversarle agli operatori della linea appositamente telefonica allestita. È stata addirittura offerta una ricompensa di 50mila dollari a chiunque sia in grado di fornire informazioni utili, capaci di portare al suo arresto.

Cosa sappiamo dell'uomo ricercato

L'uomo "di interesse" per la sparatoria nella metropolitana di New York ha postato online video "preoccupanti" in cui parlava dei senzatetto e criticava il sindaco di New York, Eric Adams. La polizia "non ha nessuno sotto la sua custodia" al momento per l'attacco alla metropolitana di New York. "Siamo alla ricerca di Frank James, che ha affittato il furgoncino" legato all'attacco a Philadelphia. "Siamo veramente fortunati che non sia andata peggio" nella metropolitana di New York, aggiunge la polizia di New York, sottolineando che l'attentatore è salito sulla metro con l'intento di commettere un atto di violenza.

Sappiamo comunque ancora molto poco sul signor James, che risulta avere la residenza sia in Wisconsin che a Philadelphia. Quel poco che sappiamo proviene dalle indagini preliminari effettuate sui suoi canali social, dove sono emersi, come detto, video e filmati preoccupanti. Secondo quanto riportato dal New York Times, in alcuni filmati si vedrebbe l'indiziato cimentarsi in sproloqui contro il sindaco di New York reo di non occuparsi dei senzatetto e di non attuare adeguate politiche sociali. In altri, come sottolineato dal Corriere della Sera, l'uomo, che ammetteva di avere problemi mentali, accusava le donne di colore di essere responsabili della violenza tra gli stessi afro-americani.

Insomma, la sensazione è quella di trovarsi di fronte ad una persona instabile. Che, per giunta, attraverso i suoi canali social e nei giorni passati aveva in qualche modo annunciato la volontà di sferrare un attacco. Gli investigatori hanno infatti affermato che fuochi d'artificio, benzina e due granate fumogene inutilizzate sono stati recuperati dalla scena; una fotografia diffusa sui social media dal sospettato sembrava mostrare proprio quei fuochi d'artificio, insieme ad altro materiale.

Commenti