Conti pubblici, la Bundesbank attacca: ​"L'Italia delude le aspettative"

Durissimo attacco della Bundesbank all'Italia. Weidmann: "Ancora oggi discutiamo della bassa dinamica di crescita dell'Italia"

"Aspettative deluse". Con queste, durissime parole Jens Weidmann ha descritto, in un discorso alla sede della Bundesbank di Amburgo, "le attese di chi aveva scommesso che gli sforzi di risanamento intrapresi dall'Italia prima dell'ingresso nell'Unione monetaria, sarebbero continuati anche nello spazio valutario comune e che la solidità delle finanze pubbliche sarebbe stata garantita in modo duraturo". Un attacco che, non a caso, arriva proprio mentre il governo Gentiloni sta trattando con Bruxelles per il rientro del rapporto deficit/pil.

Da Bruxelles chiedono una manovra da 3,4 miliardi di euro. E il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan è disposta ad accordargliela aumentando del 2% le accise sui carburanti e andando a tagliare ulterirmente gli investimenti. Per la Bundesbank, però, non è abbastanza. Nel suo intervento Weidmann torna ad alzare la voce contro Roma: "Con la crisi economica dell'inizio degli anni 2000, i deficit di bilancio italiani hanno ricominciato a salire e sono rimasti per lungo tempo al di sopra della soglia del 3%". Inoltre, ha continuato il numero uno della Buba, "da allora non viene più registrato un avanzo primario tale da permettere una discesa continuativa dell'indebitamento. Anzi, a causa della crisi finanziaria, economica e del debito sovrano, il rapporto debito/pil nel Paese ha addirittura superato nettamente la soglia del 130%, dove si trova ormai da anni".

La Germania non è nuova a questi attacchi. Un Paese, quello guidato da Angela Merkel, che in più di un'occasione ha barato nella presentazione dei propri conti pubblici. Forse non a tutti è noto che, nonostante non passi giorno senza che venga stigmatizzato il comportamento dell'Italia in materia di conti pubblici, Berlino non ha onorato i propri debiti per ben tre volte. Eppure, salutando un responsabile della Bundesbank, Arno Baecker, che per quattro anni è stato rappresentante della Bundesbank e consigliere finanziario dell'Ambasciata tedesca a Roma, Weidmann ha detto che, "guardando alla situazione economica dell'Italia e allo scemare degli sforzi di riforma", ci si chiedeva nel 2000, "se il ritmo delle riforme nel Paese sarebbe stato sufficiente per riguadagnare il terreno perduto nella competitività internazionale e per affrontare le sfide economiche del futuro". "Il fatto che ancora oggi discutiamo della bassa dinamica di crescita dell'Italia - ha concluso Weidmann - è la risposta a questa domanda".

Commenti

agosvac

Ven, 10/02/2017 - 13:59

Se si pensa che nel primo Governo Berlusconi cruccolandia era combinata peggio dell'Italia e che è stato Berlusconi ad insistere con l'Ue( allora c'era il turno italiano di Presidenza dell'Ue) per dare una chance alla "povera Germania" in difficoltà, c'è veramente da chiedersi: ma questi crucchi neanche sanno cosa sia la riconoscenza??? Del resto è comprensibile: i tedeschi temono l'industria manifatturiera italiana perché è, a tutt'oggi, anche se in crisi, la seconda in Ue e per anni è stata una spina nel fianco della krante Germania!!! Basta vedere come in Ue Fca cresca regolarmente nelle vendite molto di più delle varie VW,Mercedes e Bmw. I tedeschi vedono l'Italia come un nemico da combattere ed hanno ragione perché, prima o poi, lo ridiventerà. Si dovrà solo avere pazienza ed aspettare un Governo serio e non uno come gli ultimi o quello attuale!!!

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Ven, 10/02/2017 - 14:00

Altro anno record per l'export tedesco, che nel 2016 ha segnato un rialzo del +1,2% rispetto al 2015, per un valore di merci esportate di 1207 miliardi di euro portando ad un nuovo record anche la bilancia commerciale tedesca a 252,9 miliardi. Mentre i tedeschi si avvicinano al +10% di surplus comm.le, senza che la Com.UE avverta il bisogno di redarguirli (dopo che la stessa Com.UE ha stabilito il limite massimo non oltrepassabile del +6%) quest'ultima intima all'Italia (pena apertura procedimento di infrazione ufficiale nei suoi confronti) una correzione dei conti pubbl per uno sbilancio di -0,2% di deficit (un inezia) permettendo alla Francia e alla Spagna di sforare [abbondantemente] il limite prestabilito del -3% . Ci sono motivi sufficienti per diffidare della UE e per avercela con i tedeschi che di fatto SI FANNO GLI AFFARI LORO a spese degli altri, sopratutto di NOI ITALIANI.

Ritratto di BM1883

BM1883

Ven, 10/02/2017 - 14:19

se lo dici con quella faccia...ti si crede. Sappi che c'è il governo che avete voluto voi, oramai da 5 anni e mezzo, per cui è anche colpa tua e dei tuoi amichetti di merende. Avete voluto far fuori il governo che era stato eletto ? Bene, prendete e portate a casa, emigranti compresi

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Ven, 10/02/2017 - 14:20

FINCHÉ;IN ITALIA CI SARÁ IL PDPCI AL POTERE WEIDMAN POTRÁ SOLO SOGNARE CHE L;ITALIA SARÁ IN CRESCITA INDUSTRIALE!.

MarcoTor

Ven, 10/02/2017 - 14:22

Speriamo a breve di non essere più parte di nessun organismo internazionale in comune. Ci vorrà un po' ma ci arriveremo.

Superiore

Ven, 10/02/2017 - 14:30

Nel 1990 ero presente alla finale del mondiale di calcio, che vide contrapporsi Germania ed Argentina. Con mio sommo stupore (e vergogna) vidi che gli italiani fischiavano l'inno nazionale di una paese che definire amico sarebbe limitato, visti i legami di sangue che legano i nostri popoli, gli aiuti da noi percepiti dopo la guerra persa e tante altre cose in comune. No, gli italiani erano schierati con i tedeschi, notoriamente simpatici e solidalii. Cari tifosi decelebrati, ve la farei pagare a voi la manovra!

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Ven, 10/02/2017 - 14:33

#agosvac.IO;IN PRINCIPIO SONO D;ACCORDO CON TE;MA IL PROBLEMA PRINCIPALE DELL;ITALIA SONO I KOMUNISTI CHE NON SANNO GOVERNARE IL NOSTRO PAESE É CHE NON FANNO GOVERNARE CHI SÁ GOVERNARE!É QUESTO SI VEDE DA COME SI É SVILUPPATA L;ITALIA NEGLI ULTIMI 7 ANNI!É SE 1,7 MILIONI DI POSTI DI LAVORO SI SONO TRASFERITI ALL;ESTERO QUESTO VUOL DIRE CHE L;ITALIA NON É CONCORRENZIALE IN CONFRONTO ALLA GERMANIA; É SE IN ITALIA CI SONO ANCORA DEGLI IDIOTI CHE HANNO APPLAUDITO QUANDO GLI IMPRENDITORI PORTAVANO I POSTI DI LAVORO ALL;ESTERO QUESTO NOI LO DOBBIAMO A GENTE DI SX CHE É IGNORANTE AL QUADRATO! É IO CHE SONO IN GERMANIA TI POSSO GARANTIRE CHE MAI UN TEDESCO APPLAUDIREBBE SE I POSTI DI LAVORO ANDREBBERO VIA DALLA GERMANIA!.

Ritratto di nando49

nando49

Ven, 10/02/2017 - 14:35

Noi italiani abbiamo due "sfortune": una è la nostra classe politica e l'altra è questa UE pilotata dalla Germania. Paghiamo pegno sia all'una che all'altra. Se di colpo sparissero le mafie politiche e non e l'evasione fiscale, staremmo meglio della Svizzera

Luigi Farinelli

Ven, 10/02/2017 - 14:36

E' ora di finirla con l'ipocrisia e le truffe tedesche. La narrazione (tedesca) del buon tedesco turlupinato dai Mediterranei e che vede l'Italia fra i beneficiari della Germania dovrebbe essere finalmente spiattellata UFFICIALMENTE. La Germania ha infranto per il nono anno CONSECUTIVO il limite del 6% stabilito per il surplus commerciale. Ha guadagnato 28 mld Euro col Q.Easing; si oppone ad ogni politica espansiva ma ne incassa i dividendi (100 mldi di E di interessi fra 2010-2015). Piange e incassa pure sui migranti. Ha salvato HshNord Bank con soldi pubblici e l'ok dell'Ue. E l'Italia è l'unica in Ue ad applicare il bail in (facendo pagare ad azionisti e obbligaz.sti il conto). Basta con la Germania truffaldina, con la Merkel, con l'Ue e con governanti invertebrati!

gpl_srl@yahoo.it

Ven, 10/02/2017 - 14:52

inutile che le immagine della grande sorella la presentino sempre senza i baffetti e senza la divisa!vedremo se dopo un ulteriore uscita dall' ERU della francia e dell' Italia, mantenga sempre quell' aria soddisfatta che le esalta la caparbietà e la determinazione in una guerra economica che finirà col vederla sconfitta: il debito pubblico composito tedesco supera i settemila miliardi di euro e nemmeno il buon Dio sara tanto volonteroso da cancellarlo con un colpo di spugna: ne riparleremo tra 15 anni!

PAOLINA2

Ven, 10/02/2017 - 14:58

Ma questo sig. giornalista che e' sempre puntuale a scrivere notizie negative non leggo da nessuna parte del balzo record della produzione industriale, chiaro non fa sicuramente comodo a questo giornale esporsi con notizie positive.

nopolcorrect

Ven, 10/02/2017 - 15:17

Conoscete la storia del Re Leone? D'altra parte siamo stati noi a voler entrare nella trappola dell'euro -cioè del marco tedesco rinominato euro - e di corsa, addirittura!, perché stava per entrarci la Spagna di Aznar e il Mortadella non voleva essere da meno...così il mio abbonamento annuale all'ATAC a Roma che era di 250000 lire è diventato di 250 euro....

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Ven, 10/02/2017 - 15:44

trasmettete le coordinate di questa donna (?) ad un Pershing 2

manfry74

Ven, 10/02/2017 - 15:57

invece di lamentarvi della Germania chiedeteci perché l' Italia non riesce ad andare avanti....sicuramente con il beverino Berlusconi non staremmo in questo stato

Tuvok

Ven, 10/02/2017 - 16:02

La Germania non viene sanzionata perchè la deflazione causata dal suo surplus costituisce un efficace deterrente all’uscita dalla UE, in quanto molti sono portati a pensare che uscire in una situazione di crisi sarebbe più rischioso che restare. In pratica ci spezzano le gambe per convincerci di essere così ammalati da non essere in grado di camminare da soli. Secondo me è meglio uscire con le stampelle e le gambe ingessate che aspettare di finire su una sedia a rotelle.

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Ven, 10/02/2017 - 16:07

...e per chiudere il cerchio sui PROBLEMI della Germania che i TEDESCHI cercano di tenere opportunamente OCCULTI, un Istituzione di livello internazionale come la BANCA MONDIALE PER GLI INVESTIMENTI si è recentemente espressa a riguardo, indicando una banca tedesca privata (DEUTSCHE BANK nrd) come l'EPICENTRO POTENZIALE del più grande CATACLISMA finanziario che potrebbe accadere coinvolgendo l'intero sistema mondiale, a causa del volume di PRODOTTI DERIVATI (CDO CDS e similari) che questa si porta in pancia a bilancio (75.000 miliardi di $) che fanno passare come briciole i 2200 mld di debito pubbl italiano che quel bandito travestito da asino -J.Wiedmann pres di BU.BA.- ha ricordato pubblicamente in data odierna. Chi è veramente il paese più indebitato d'Europa?? sarebbe da chiederselo (e chiederlo ai tedeschi...)

Ritratto di giangol

giangol

Ven, 10/02/2017 - 16:19

tranquilli con la manovrina da 3,4 miliardi l'italia volerà ahahahah

Ritratto di AlleXpert

AlleXpert

Ven, 10/02/2017 - 16:30

...non capisco perchè piagnucolone gli avvenimenti passati, quello che conta È il presente è futuro! Il presente e già una vergogna in se, quarto governo non eletto, gestito (e non governato) da imbecilli, opportunisti e poltronistri (del NCD). I piddioti e compagnia cantante non è capace, questa è la realtà!

beale

Ven, 10/02/2017 - 16:44

ma il falchetto Weidmann che ruolo ha nell'UE? invece di vigilare su DB ed i suoi derivati, si fa i c...i nostri. vuole l'intervento del fmi prima che si concretizzi il rischio di italexit.

Ritratto di Zizzigo

Zizzigo

Ven, 10/02/2017 - 16:56

Secondo i tedeschi, come nei campi di sterminio, anche uno scheletro può vincere una maratona.

Luca66

Ven, 10/02/2017 - 17:01

Qualcuno dica alla Tedesca di Germania che resterà molto più delusa con l'ITALEXIT perché, se il buon Gesù ed il suo papà ci ascoltano ancora, è così che finirà !!!

Agev

Ven, 10/02/2017 - 17:51

la Bundesbank e Jens Weidmann .. Sono solo dei tedeschi e come affermato dal loro migliore e intelligente Uomo Filosofo Filologo Oltre Uomo e Avatar.. Sempre loro .. Nell'ordine evolutivo superiore di ogni vera grande civiltà ..Una nullità .. Un vuoto a perdere.. Uomini dai culi e piedi pesanti.. Mancano totalmente dell'essenzialità e bellezza del gesto. Così era e così è. Non gli è servita a nulla la storia recente. Un cancro parlante ed urlante del nulla. Basta guardare in viso sia la Merkel che Weidmann e Schulz per comprendere con quale Ignoranza si ha a che fare. Il loro tempo è finito per sempre. Gaetano

Tarantasio

Ven, 10/02/2017 - 18:16

il dramma è che potrebbe essere scambiata a breve con il socialistoide terzomodista ancora peggio di lei. Il tedesco, secondo la sua natura, è una pietanza ben cotta e bollita, sempre pronta per essere servita in tavola con quelle loro disgusting salsine.

lambi65

Ven, 10/02/2017 - 18:23

Ma la Germania che dice sempre che siamo un peso, che mettiamo in pericolo l'euro, che siamo prossimi al default perchè non ci dà un calcio e ci manda via dall'euro? così finalmente possiamo ripartire dopo aver ripulito il Paese da qualche milione di parassiti fancazzisti, ladri, evasori,falsi pensionati, politici, statali e parastatali.

martinsvensk

Ven, 10/02/2017 - 18:55

Tutte le sere prego fervidamente che la Germania paghi per i suoi peccati di ieri e di oggi. Non esiste un paese che mi ripugna come questo. Su, su prendetemi in giro o voi Italiani esterofili filo tedeschi. La punizione per i Tedeschi arriverà, arriverà, arriverà.

wotan58

Ven, 10/02/2017 - 19:17

Esatto Agosvac. Il manifatturiero italiano è una spina nel fianco per le aziende tedesche, che malgrado il miglior sistema paese ed i minori costi generali, sono penalizzate dal maggior costo delle mano d'opera rispetto alle italiane che hanno anche know-how e punte di eccellenza in tante nicchie. Niente riconoscenza, la guerra (commerciale) è guerra, sta a noi combatterla. Purtroppo servirebbe un governo meno imbelle di questo E che la politica italiana cattocomunista abbandoni l'idea che le imprese come i privati cittadini non siano il salvadanaio per i propri sprechi, polli da spennare con tasse e burocrazia, ma asset preziosi da difendere ed appoggiare. Ma chiedo troppo....

pier1960

Ven, 10/02/2017 - 19:44

che scoperta......politici che usano le banche come propi bancomat, miliardi a coop e onlus per la finta accoglienza....come fanno i conti a essere in ordine?

wotan58

Ven, 10/02/2017 - 20:05

Nopolcorrect, e chi ha raddoppiato l'abbonamento, i tedeschi o l'ATAC di Roma, un'associazione a delinquere travestita da municipalizzata che ha 1,3 miliardi di debito??????????? Pensa che succede se lasciamo l'euro... con la nuova moneta te lo moltiplicherebbero per 5, se va bene.

disturbatore

Ven, 10/02/2017 - 20:07

Con il Surplus delle esportazioni stanno distruggendo il tessuto produttivo del resto dell´Europa , ma non ne´vogliono sentir parlare di limitarlo . La Germania ha chiuso tutti nella gabbia Euro e si sta´ingrassando a costo di tutta l´Europa . Avremo bisogno di Russia e di Usa per fermare questi pazzi scatenati . I tedeschi hanno un problema colossale che provoca sempre guerre , non si sanno limitare . Non sanno fermare la macchina micidiale una volta in funzione .Chircill lo diceva , i tedeschi o ti saltano alla gola oppure si inginocchiano ai tuoi piedi . Animali allenati a funzionare , con una donna al comando l´effetto e´ancora peggio. Le donne sono assetate di potere ma sanno anche funzionare molto bene .

disturbatore

Ven, 10/02/2017 - 20:15

NON COMPRATE PIU`AUTO TEDESCHE punto e a capo.

Ritratto di Svevus

Svevus

Ven, 10/02/2017 - 21:00

Non c' è più alcuna scusa : sono nemici !

swiller

Ven, 10/02/2017 - 21:39

I problemi dell'Italia sno politici statali dirigenti pubblici un oceano criminale.

Ritratto di ohm

ohm

Ven, 10/02/2017 - 22:12

La germania continua a fare la guerra ma non sa che siamo nel 2017 e che gli italiani sono un pò più acculturati!

Ritratto di orcocan

orcocan

Ven, 10/02/2017 - 22:28

Che t'importa Weidmann. Sono cavoli nostri (marci) ma non abbiamo bisogno dei quotidiani giudizi e ultimatum unicamente tedeschi. Non credo che se l'Italia va in malora la Germania fallirà.

seccatissimo

Sab, 11/02/2017 - 00:41

Non né il caso di nascondersi dietro un dito, purtroppo la pessima opinione dei tedeschi in merito alla volontà-capacità dell'Italia di provvedere ad interventi seri per riaggiustare la propria economia è pienamente giustificata.

seccatissimo

Sab, 11/02/2017 - 00:51

x nando49 Ven, 10/02/2017-14:35 ^^Se mia nonna avesse le ruote e facesse "ciuf ciuf" sarebbe probabilmente una locomotiva a vapore^^ Con i se non si costruisce niente !

seccatissimo

Sab, 11/02/2017 - 01:05

x Agev Ven, 10/02/2017-17:51 Beh, non esageriamo con queste battute e recriminazioni contro la Germania, perché non mi sembra proprio il caso, visto che come ministro della pubblica istruzione abbiamo attualmente Valeria Fedeli che è la personificazione vivente dell'ignoranza e della truffa italiana!

paolonardi

Sab, 11/02/2017 - 04:09

C'e' ancora chi crede che scrollassi di dosso questa inutile e dannosa sovrastruttura porterebbe sfaceli inenarrabili. Probabilmente sono gli stessi che predissero le stesse conseguente per la Brexit, per Trump e per la vittoria del NO. I fatti hanno dimostrato l'esatto contrario smentendo queste Cassandre e mostrando al mondo che, al solito, il socialistume sbaglia sempre.