Donna indonesiana frustata: "Era seduta troppo vicino al fidanzato"

Nella provincia indonesiana in cui è stata emessa la sentenza, la Shari'a impone la fustigazione in pubblico per gli individui responsabili di “atti immorali”, adulterio, gioco d’azzardo, consumo di alcol e rapporti omosessuali

In Indonesia, il più popoloso Paese islamico al mondo, una giovane donna è stata condannata alla fustigazione per essersi seduta in pubblico “troppo vicino” al suo fidanzato. Le autorità religiose hanno ritenuto tale comportamento “immorale” e contrastante con i principi della Shari'a.

La condanna è stata comminata da una Corte islamica di Banda Aceh, capoluogo della provincia di Aceh, nel Nordovest dell’isola di Sumatra. Il tribunale ha infatti giudicato la ragazza, di ventuno anni di età, “responsabile di condotte contrarie alla morale”, reato punito con la fustigazione, la quale può oscillare da un minimo di dieci frustate a un massimo di venticinque. Il tribunale ha prescritto “venti frustate” a carico della giovane donna.

La ventunenne è stata quindi condotta in una piazza di Banda Aceh, dove, davanti alla folla, è stata fatta inginocchiare. La polizia religiosa ha allora iniziato a colpirla ripetutamente con un bastone di bambù, al quale erano attaccate delle strisce di cuoio. Dopo venti frustate, la ragazza è stata lasciata andare e le autorità hanno sottoposto al medesimo supplizio il fidanzato di quest’ultima, anch’egli condannato dalla Corte islamica in quanto “complice di atti immorali”.

La provincia di Aceh, nella quale ha avuto luogo la pubblica fustigazione, è un territorio in cui vige una rigida applicazione della Shari'a. In tale provincia, la legge islamica è l’unica fonte del diritto, sia in ambito civile-matrimoniale sia in quello penale. Il governo centrale, al fine di neutralizzare le rivendicazioni secessioniste manifestatesi in passato con estrema violenza nella provincia, ha infatti da anni attribuito alle autorità religiose locali il compito di disciplinare ogni aspetto della vita delle persone. Proprio tale concessione ha rappresentato un elemento-chiave dell’accordo di pace siglato nel 2005 dall’esecutivo di Giacarta con le formazioni indipendentiste stanziate ad Aceh, la maggior parte delle quali era di ispirazione jihadista. Da allora, le Corti islamiche della provincia hanno comminato, senza la minima interferenza da parte delle autorità centrali, condanne alla fustigazione nei riguardi di soggetti responsabili di “atti immorali”, adulterio, gioco d’azzardo, consumo di alcol e rapporti omosessuali.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

dagoleo

Mar, 30/10/2018 - 15:09

Mi sembra una sanzione giusta, degna di un paese civile. Presto saranno usanze in voga anche qui da noi.

roberto67

Mar, 30/10/2018 - 15:09

Molti Indonesiani si vergognano quando i giornali stranieri riportano notizie provenienti da Aceh: la considerano una zona culturalmente sottosviluppata che non rappresenta la realtà del Paese. Il resto dell'Indonesia è ben altra cosa.

jenab

Mar, 30/10/2018 - 16:31

in italia dove verranno eseguite queste sentenza?

Ritratto di tomari

tomari

Mar, 30/10/2018 - 16:37

...le loro usanze saranno le nostre...Pontificò Santa Laura dei clandestini.

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Mar, 30/10/2018 - 17:28

Il governo centrale, al fine di neutralizzare le rivendicazioni secessioniste manifestatesi in passato con estrema violenza nella provincia, ha infatti da anni attribuito alle autorità religiose locali il compito di disciplinare ogni aspetto della vita delle persone. Il nostro futuro, con la benedizione e la felicità di Gorgoglio.

antonioarezzo

Mar, 30/10/2018 - 17:59

e questa gentaglia imbarbarita da millenni di usanze e leggi primitive, dovrebbe integrarsi in Italia ????????????????????????????????????????????????????

ROUTE66

Mar, 30/10/2018 - 18:21

Se arriva in ITALIA sai le FEMMINISTE. E la BOLDRINI che DICE?

ilbelga

Mar, 30/10/2018 - 18:25

adesso in Italia vogliono le moschee e i pdioti gliele danno poi sarà la Sharia e poi gli italiani se ne andranno all'estero perché qui comanderà il musulman...

Controcampo

Mer, 31/10/2018 - 00:15

Non dimentichiamo che, in Indonesia, su 255 milioni di abitanti, 87% è musulmana e che la metà di loro sono tradizionalisti. Seguono la Sharia come legge principale e ubbidiscono ai dettami degli Imam che sono sempre padroni dei luoghi e delle città, spacciandosi come “capi spirituali” con dominanza assoluta sui cittadini. Stando alle statistiche della HRW (Human Richts Watch) la FGM (Female Genital Mutilation / Mutilazione genitale femminile) nonostante sia illegale dal 2006, questa brutale praticata viene applicata ancora oggi sul 49% sulle bimbe appena nate e alle ragazze fino a 14 anni.

biricc

Mer, 31/10/2018 - 08:55

Fico direbbe che serve l'amore. A patto che sia a distanza, direi platonico.