Il "falco" che vuole affossarci incassa gli aiuti dalla Merkel

La Merkel tende la mano al falco Rutte: coprirà i costi dei pazienti olandesi curati in Germania. Ma se l'Aja è in difficoltà perché allora non fa ricorso al Mes?

Visto che anche l'OIanda faceva tanta fatica a decongestionare le terapie intensive, che ancora oggi traboccano di pazienti malati di Covid-19, verrebbe quasi da consigliare all'austero Mark Rutte di fare richiesta dei fondi messi a disposizione dell'Unione europea per rilanciare la sanità pubblica. Potrebbe magari spingere l'Aja ad accedere proprio al Fondo salva Stati che ha a lungo caldeggiato al governo italiano quando eravamo noi a trovarci con gli ospedali in ginocchio e senza respiratori a sufficienza a cui attaccare i casi più gravi. "L'Italia deve imparare a farcela da sola", diceva il premier olandese non più di qualche settimana fa in una intervista a 7, il magazine del Corriere della Sera. Eppure, quando il suo Paese si è trovato in affanno, eccolo accettare di buon grado la solidarietà della Germania che, come annunciato tre giorni fa, ha deciso di coprire tutti i costi dei pazienti olandesi che sono stati curati negli ospedali tedeschi.

La guerra all'Italia

Rutte non ha mai fatto sconti all'Italia. È sempre stato uno dei più violenti detrattori del Belpaese. Ci vede come dei spendaccioni. E probabilmente, visti i bonus a pioggia stanziati dal governo Conte negli ultimi mesi, ha tutte le sue ragioni per criticarci. Ma è anche vero che, quando si è trattato di costruire un'Europa più solidale, capace di affrontare l'emergenza sanitaria ed economica scatenata dalla pandemia, si è messo a capo di un manipolo di Stati, ribattezzati i frugal four (Paesi Bassi, appunto, Austria, Finlandia e Danimarca), per imporre a Roma clausole che rischiano di soggiogarla a Bruxelles. "Gli Stati i quali necessitano e meritano aiuto devono anche far sì che in futuro siano capaci di affrontare da soli crisi del genere in modo resiliente", spiegava tempo fa. Gli aiuti, però, nella mentalità di Rutte, non sono contributi a fondo perduto, ma prestiti. E come tuttii prestiti vanno resi, prima o poi. Da qui la cronaciata per rendere più stringente il Recovery Fund e soprattutto per legare i fondi ottenuti dal Mes agli investimenti in campo sanitario. Una condizione, quest'ultima, per cui l'Aja si è battuta sin dall'inizio.

I contagi in Olanda

Nelle ultime settimane l'Olanda stenta a tenere sotto controllo i nuovi focolai. Nella prima settimana di agosto, secondo l'ultimo report diramato dalle autorità sanitarie, vi sono stati 2.588 nuovi contagi, ben 1.259 in più rispetto a sette giorni prima quando le infezioni erano state 1.329. "Al momento - si leggeva nello studio - vi sono 242 cluster attivi nel paese e il maggior numero di contagi si riscontra nelle regioni di Rotterdam-Rijnmond, Amsterdam, Brabante occidentale e dell'Aja". Le amministrazione di Amsterdam e Rotterdam ha immediatamente imposto la mascherina nei luoghi affollati, ma a preoccupare il governo è soprattutto la pressione che potrebbe tornare a crearsi sulle terapie intensive degli ospedali. Per trovare una soluzione a questa emergenza, come riferito dal quotidiano online Nu, il ministro della Salute ha incontrato nei giorni scorsi il suo omologo tedesco Jens Spahn. I due hanno stabilito che "la Germania coprirà tutti i costi dei pazienti coronaropatici dei Paesi Bassi (e di altri Stati membri dell'Unione europea, ndr) che sono stati trattati in Germania". Un'operazione che agli olandesi fa "risparmiare" circa 2,3 milioni di euro.

La "solidarietà" dei tedeschi

Va subito detto che non sarà solo Rutte a beneficiare della "solidarietà" della cancelliera Angela Merkel. Durante la pandemia, come ricostruito anche da De Telegraaf, Berlino si è fatta carico di pazienti dei Paesi più colpiti dal nuovo coronavirus. Anche italiani, certo. Dall'Olanda ne sono arrivati 58 pazienti, la maggior parte dei quali sono stati portati nel Nord Reno-Westfalia che si trova al confine con i Paesi Bassi. Per mesi li ha assistiti perché, come spiega la stampa locale, "le unità di terapia intensiva nei Paesi Bassi minacciavano di diventare sovraffollate". Attualmente la Germania non sta più ospitando pazienti olandesi all'interno delle proprie terapie intensive. L'ultimo è, infatti, morto ai primi di giugno. Nei giorni scorsi, però, i due governi hanno deciso di tirare una riga sui costi di tutta questa operazione. Berlino non chiederà un solo euro all'Aja. Che a beneficiare di questa solidarietà sia proprio l'austero Rutte, fa quantomeno sorridere e obbliga a porci alcune domande. Innazitutto, se anche la sanità olandese è andata in difficoltà, perché il governo non fa richiesta dei fondi del Mes per potenziarla? E soprattutto: perché la Germania sta vestendo i panni da potenza benefica? Si dimostra tanto indulgente con i Paesi dell'Unione europea a cui dà una mano... salvo poi imporgli, sempre e comunque, l'austerity senza la quale, probabilmente, gli Stati in difficoltà non avrebbero problemi a cavarsela da soli.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

GINO_59

Mar, 11/08/2020 - 14:01

Chi ha steso la trappola non vuole finirci dentro.

nerinaneri

Mar, 11/08/2020 - 14:05

...il falqui...più appropriato...

agosvac

Mar, 11/08/2020 - 14:11

Mi sembra strano che pazienti italiani siano andati a farsi curare in Germania per il corona virus visto che , in questo campo, siamo un'eccellenza in tutto il mondo. Per quanto riguarda l'Olanda non è facile creare una sanità adeguata se non ne hai le basi, non basterebbe neanche il MES. Tra l'altro perché usare il MES quando hai la signora Merkel che sborsa i soldini??? Il Mes lo si consiglia ai nemici, non se ne fa uso personale!!!!!

Ritratto di theRedPill

theRedPill

Mar, 11/08/2020 - 14:40

Se la Merkel tende la mano a Rutte è, banalmente, perché le conviene. Rimane da capire come le conviene. Io mi domando quale sia la convenienza per l'Italia nello stare in UE, visto che ci buttiamo soldi, i nostri politici non partecipano come dovrebbero alla politica UE e non vedo grandi vantaggi per il nostro paese. Ripeto per l'ennesima volta, perché non facciamo le stesse cose che fa l'Olanda, postriboli e coffe-shop a parte?

Ritratto di moshe

moshe

Mar, 11/08/2020 - 14:44

non si può parlare di Europa unita, si può solo parlare di un'Europa dominata dalla Germania, o se ne esce o ne diverremo schiavi assoluti !!!

Calmapiatta

Mar, 11/08/2020 - 14:49

Il COVID è stata la cartina tornasole della inutilità della UE. L'emergenza sanitaria, trasformatasi in emergenza finanziaria ha rivelato chi sono i veri sovranisti in europa. Sarebbe il caso che l'Olanda, invece di rompere le scatole, mettesse a posto i suoi conti e, soprattutto, cominciare le regole fiscali europee.

killkoms

Mar, 11/08/2020 - 15:04

un pollo che si crede un falco!

Giorgio Colomba

Mar, 11/08/2020 - 15:14

Come da bambini a scuola c'era sempre il più debole da bullizzare, così l'italietta rossogialla è il convitato non di pietra, ma di pezza da circuire con dileggio.

marc59

Mar, 11/08/2020 - 15:36

Ha ragione Salvini a non volere il mes. Se non lo prendono i sostenitori pensate che grande fregatura vogliono appiopparci.

ROUTE66

Mar, 11/08/2020 - 16:15

Tra compari ci si aiuta. Sono gli altri rimasti fuori dal giro che devono recarsi col capello in mano. Caro giornalista,possibile che NON abbia ancora capito che L"OLANDESE è il portavoce della TEDESCA. Un pò come il TOLINELLI di turno quà da noi,CONOSCENDO IL SUO LIVELLO DI FURBIZIA,viene mandato allo sbaraglio. Non esce dal cervello ciò che dice ma dalla bocca(non collegata) IDEM per L"OLANDESE, per i 2 damani è un altro giorno

Nes

Mar, 11/08/2020 - 16:54

Qualcuno aveva dei dubbi...

zen39

Mar, 11/08/2020 - 17:06

Non abbiamo bisogno dell'Olanda; i debiti ce li siamo sempre pagati anche se non siamo un paradiso fiscale, ma quando ci sarà l'innalzamento dei mari come previsto dagli scienziati forse qualcuno vorrà stabilirsi altrove. E noi generosi come sempre li accoglieremo come i migranti dell'Africa ?

alfonso cucitro

Mar, 11/08/2020 - 18:09

Tutti contro l'Italia,incominciando dalla Germania. E'possibile che solo coloro che rappresentano l'Italia in questo momento non si rendano conto che stanno affossando il popolo per i loro sporchi interessi? Bisogna cacciarli via al più presto dai posti di comando.

Luigi Farinelli

Mar, 11/08/2020 - 19:10

Ipocriti, buffoni travestiti da virtuose formiche. Comincino a rendere conto dello sprofondo rosso dei loro debiti privati (che figura farebbero in una classifica con l'Italia che, inoltre, ha debito pubblico sostenibile e debito implicito ed esplicito che si sognano!), rendano anche conto della crisi delle loro banche disastrate, degli imbrogli sul calcolo dei loro debiti pubblici, delle truffe sui rapporti deficit/PL e debito/PIL, di quelle sulla bilancia dei pagamenti e dello sporco affare dei paradisi fiscali.

capi_tan_iglu

Mar, 11/08/2020 - 19:20

L'Olanda (nazione parassita, calcolatrice e luciferina) voleva e vuole che l'Italia (e non l'Olanda) faccia ricorso al MES in modo da ridurre l'Italia a livello della Grecia e poter acquistare sottocosto tutti gli assets di interesse nazionale italiani: gli olandesi sono sempre stati un popolo di mercanti che per i soldi sarebbero disposti ad uccidere la loro madre.

Jon

Mar, 11/08/2020 - 19:29

Rutte e' il Burattino della Merkel, che non ha il coraggio di parlare in prima persona..Usa i burattini e dopo li premia..Dovremmo impugnare l'inquinamento delle macchine tedesche che nel nostro paese usano un software taroccato..Cambierebbero subito politica con l'Italia..!! Peccato che abbiamo degli ipercomprati, al governo!!