Natale insanguinato per i cristiani del Pakistan

L'attentato di ieri nella chiesa metodista di Quetta ha sconvolto i fedeli cristiani del Pakistan. Il racconto del pastore Simon Bashir, che durante l’attacco stava distribuendo la comunione

L'attentato di ieri nella chiesa cristiana metodista Bethel Memorial a Quetta, nella provincia del Beluchistan, in Pakistan, ha causato la morte di almeno nove persone e più di cinquanta sono rimaste ferite, alcune in modo grave. Lo Stato Islamico, attraverso la sua agenzia di propaganda Amaq, ha rivendicato l’attacco.

“All’improvviso ho sentito gli spari nel compound della chiesa. I fedeli sono stati presi dal panico e imploravano piangendo la misericordia di Dio. Pochi istanti dopo, un’esplosione alla porta e le finestre sono andate in frantumi”, racconta ad Asia News il pastore Simon Bashir, che durante l’attacco stava distribuendo la comunione. “Alcune persone sono state ferite dai detriti della bomba. Quelli che sono stati colpiti alla testa, si sono accasciati sui banchi della chiesa”.

L’obiettivo dei terroristi è chiaro: insanguinare le celebrazioni del Natale. Ne è convinto il domenicano James Channan, direttore del Dominican Peace Center a Lahore - impegnato a promuovere il dialogo interreligioso - che a Vatican Insider ha dichiarato che l’azione dei jihadisti “è un attacco che colpisce al cuore la comunità cristiana che si appresta a celebrare il Natale. È un attacco che vuole distruggere la convivenza e il lavoro di tanti che, a tutti i livelli si impegnano ogni giorno a costruire una nazione migliore”. Anche il generale Qamar Javed Bajwa, capo dell’esercito, ha parlato di “attacco ai fratelli cristiani nel tentativo di rovinare le celebrazioni natalizie”.

l Pakistan è un Paese a maggioranza musulmana sunnita, dove i cristiani sono meno di quattro milioni su una popolazione di quasi duecento milioni. L'attacco di ieri non è il primo, in passato erano già stati presi di mira luoghi religiosi. Nel 2015 due chiese erano state colpite nell'area di Youhan Abad a Lahore, con un bilancio di quindici morti. Nel 2013, nel peggior episodio di violenza contro la minoranza cristiana, un commando aveva assaltato una chiesa a Peshawar uccidendo oltre cento persone.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

perilanhalimi

Lun, 18/12/2017 - 20:28

Al papa non interessa....per lui esistono I musulmani !!!!

Nonmimandanessuno

Lun, 18/12/2017 - 20:46

Via i pachistani dall'Italia, non hanno diritto di starci, inoltre tornati in patria potranno spiegare ai connazionali come si dovrebbe vivere in un paese civile. Nel maceratese il traffico di droga è tutto nelle loro mani. Lo dicono le autorità. In alternativa, mi auguro che l'India riprenda a combatterli con tutti i mezzi possibili. Sono razzista? No, solo stufo e pratico.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 18/12/2017 - 23:03

Nessun sinistro commenta le gesta dei suoi eroi? S'Omar el mullar dove sei?

grog

Mar, 19/12/2017 - 08:10

.... dacci oggi il quotidiano attentato dei bastardi islamici. Elpirl, El mutand non ragliate? avete avuto un blocco dell'unica sinapsi sinistrata che vi rimane?

SAMING

Mar, 19/12/2017 - 11:52

L'intolleranza degli adepti alla pseudo-religione chiamata Islam che il nostro papa ha sdoganato definendola "religione rivelata" è essenzialmente un atto di ividia verso i cristiani e la loro religione perchè quest'ultimi vivono un livello cerebrale e culturale più elevato che loro, mussulmani, percepiscono irragiungibile. Una delle differenze essenziali è che ai cristiani non interessa quale religione pratichi il loro vicino e lo considerano per quello che egli è e non gli ditruggerebbe mai la casa solo perchè appartiene ad un'altra religione.

Ritratto di bassfox

bassfox

Mar, 19/12/2017 - 12:35

considerando l'atmosfera che c'è attorno ai musulmani nella civilissima Europa, non mi stupisce più di tanto che nel barbaro Pakistan la minoranza cristiana venga trattata così.. le minoranze non piacciono ai populisti..

Ritratto di bassfox

bassfox

Mar, 19/12/2017 - 12:36

i musulmani nei paesi cristiani non vi piacciono, però i cristiani nei paesi musulmani sì?

tommy1950

Mar, 19/12/2017 - 15:14

Ormai sono liberi di agire, nessuno difende più i cristiani ,quelli che dovrebbero sono impegnati ad ammorbidire , tollerare, comprendere, sottacere e valorizzare i carnefici Viva Gesù e il suo Papa Benedetto XVI

Cristiana70

Gio, 21/12/2017 - 09:46

bassfox ti dimentichi due piccoli particolari : primo i cristiani in Pakistan ci sono sempre stati. I musulmani in Europa NO. Secondo i cristiani non ti fanno saltare per aria con le bombe o non ti sparano sventagliate di mitra addosso. I musulmani SI