Moratti dimentica Ledesma. Arriva Fernandes

Branca a Roma, sette ore di colloqui, per qualcuno anche di più, ma Ledesma al momento resta di Lotito. Mercoledì doveva essere il giorno della svolta dopo la inammissibilità del ricorso del giocatore che chiedeva di potersi svincolare dalla Lazio. Ma la trattativa resta aperta con una serie di dichiarazioni di circostanza che depistano, compresa quella di Vincenzo D’Ippolito, procuratore dell’argentino: «È saltato tutto, il presidente Lotito non ha accettato la proposta di Moratti. Quindi il futuro di Ledesma è semplice: resterà alla Lazio».
L’Inter ha deciso di non forzare la mano per trovare un’intesa sulle cifre, sulle quali Lotito non era d’accordo. «Addirittura - spiega D’Ippolito - la richiesta iniziale del presidente della Lazio era stata di 15 milioni di euro. Quel che è certo, a questo punto, è che noi vogliamo soltanto l’Inter. Nelle ultime ore anche il Genoa si è interessato, ma Cristian ha gentilmente declinato l’invito».
Cosa sta accadendo? Semplice, Moratti non si schioda da quella cifra, 9,5 milioni di euro più la comproprietà di Khrin. Se Ledesma vuole l’Inter sta al suo procuratore portargliela e quindi ecco la strategia di Vincenzo D’Ippolito: mettere Lotito davanti all’eventualità di un tesserato che non resta volentieri nel club ma solo perché costretto e il 30 giugno del prossimo anno va in scadenza di contratto. Se è un ricatto questo è il mercato.
Marco Branca ha subito fatto sapere di avere un’alternativa nel caso Ledesma, fortemente voluto da Josè Mourinho, non arrivi. L’alternativa è Manuel Fernandes. Con un blitz, ieri pomeriggio, l’Inter si è assicurata il prestito con diritto di riscatto (fissato a 10 milioni di eruo) del centrocampista portoghese del Valencia, che venerdì prossimo compirà 24 anni. Il giocatore era in procinto di passare allo Sporting Lisbona quando i nerazzurri avevano pensato a Miguel Veloso, dopo il rifiuto dei «Leoes» di cedere in prestito il loro gioiello, i campioni d'Italia avrebbero puntato con netta decisione su Fernandes. E sono riusciti a concludere in fretta l’affare, grazie probabilmente anche ai buoni uffici di Jorge Mendes, procuratore del giocatore (e di Josè Mourinho), che ha bloccato il passaggio di Fernandes allo Sporting e lo ha indirizzato all'Inter: il nazionale portoghese (2 presenze e un gol) ha già sostenuto le visite mediche per il club nerazzurro. Fernandes è cresciuto nel Benfica e ha giocato in Premier League nel Portsmouth e nell'Everton per poi approdare in Spagna.
Così, il caso Ledesma sembra archiviato. Mourinho e l’Inter avevano largamente annusato che non era la medesima situazione che pochi giorni prima aveva liberato Goran Pandev, ecco il motivo dell’offerta interista a Lotito. Che altrettanto intuitivamente ha tenuto botta e non ha mollato, anzi ha aperto un’asta che ha fatto lievitare il prezzo del cartellino del giocatore. Probabilmente più del mancato accordo sulla cifra, Branca non è riuscito a strappare un’opzione sul serbo Kolarov, più strategico nei programmi dopo l’infortunio di Chivu. Lotito non ha voluto sentirne parlare, sebbene fosse solo un’opzione per il prossimo mercato estivo, la Lazio gira in cattivissime acque con la serie B a pochi punti.
Ma ambienti molto vicini all’Inter sono convinti che l’affare Ledesma prima o poi si farà.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.