Ferito da proiettile vagante in centro storico un giovane incensurato di 19 anni

Spaventato è riuscito a chiedere aiuto prima di perdere i sensi ed è stato immediatamente trasportato all’ospedale Loreto Mare

Una pallottola vagante lo ha colpito alla gamba destra mentre passeggiava nel centro storico di Napoli. Ha rischiato di morire un giovane 19enne incensurato. Si trovava in quel posto nel momento sbagliato, proprio quando qualcuno, una persona ignota su cui si stanno concentrando le ricerche delle forze dell’ordine, ha esploso il colpo di pistola. Il ragazzo nel momento in cui è stato raggiunto dal proiettile non si è neppure reso conto di essere stato ferito da un’arma da fuoco.

Era di notte e il 19enne ha sentito solo un gran caldo alla coscia e quando ha poggiato la mano ha sentito defluire il sangue, copioso. Spaventato è riuscito a chiedere aiuto prima di perdere i sensi ed è stato immediatamente trasportato all’ospedale Loreto Mare, dove è stato curato dallo staff sanitario. Il giovane non risulta appartenere ad ambienti criminali. La zona è da tempo al centro di attriti tra gruppi e clan della camorra, che vedono contrapposti i Sibillo, appoggiati dai Rinaldi e dai Contini, e i Mazzarella. Probabile si sia trattato di uno scambio di persona o che il 19enne si sia trovato nel bel mezzo di un agguato.

I poliziotti hanno trovato per strada un’ogiva e hanno scoperto un foro di un proiettile all’interno della saracinesca di una trattoria nelle vicinanze del luogo dove è stato esploso il colpo di pistola. Non si è ancora capito se il bossolo trovato a terra sia l'unico colpo di pistola esploso o se ci sia stata una vera e propria sparatoria. Tempo fa, sempre a Napoli, una serie di proiettili calibro 9 sono stati sparati nel cuore del centro storico a Forcella, uno di questi ha raggiunto una donna affacciata al balcone ferendola. L’episodio, molto simile a quello dell’altra sera, è avvenuto sulla strada Vicaria Vecchia. Qui gli episodi di microcriminalità sono quotidiani e non di rado accade che si assista a sparatorie tra clan rivali, che si fronteggiano a viso aperto per strada.

La donna, 51 anni, vive a Forcella e si trovava affacciata al balcone di casa quando è stata raggiunta da un proiettile vagante esploso dalla strada. Questo episodio ha confermato, ancora una volta, che le strade di Napoli sono spesso prese d'assedio da bande di criminalità organizzata. La dinamica ricorda un po' quella di Bari dell'anno scorso, dove una donna fu utilizzata come scudo umano durante una sparatoria in pieno centro.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.