I luoghi dei film di De Sica trasformati in discariche a cielo aperto

La Sanità a Napoli è diventata una pattumiera, per l’inciviltà delle persone. La denuncia del consigliere regionale Borrelli

I luoghi dei film di De Sica trasformati in discariche a cielo aperto

I luoghi del centro storico di Napoli, ripresi nel film di Vittorio De Sica “Ieri, oggi e domani”, vincitore del premio Oscar nel 1965, sono stati trasformati in una discarica a cielo aperto. I cittadini hanno segnalato al consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli che in via Cagnazzi, nel cuore della Sanità, sono depositati rifiuti di ogni genere.

Immondizia e materiale ingombrante è stato abbandonato lungo la carreggiata. Un gesto che denota, oltre ad una profonda mancanza di rispetto per la propria città, anche un’assenza di memoria storica. La strada, infatti, è stata teatro delle riprese di alcuni importanti film, tra cui il famosissimo “Ieri, oggi e domani”, con Sophia Loren e Marcello Mastroianni. Lì dove la diva napoletana del cinema italiano fece innamorare il mondo intero ora c’è solo degrado e rifiuti abbandonati in maniera abusiva.

Il consigliere Borrelli ha fatto sapere di aver denunciato l’episodio all’Asia, la ditta che gestisce la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti in città, chiedendo la bonifica dell’intera area. “Purtroppo – ha detto l’esponente politico – non è la prima volta che denunciamo gli sversamenti di rifiuti in prossimità dei luoghi legati alla storia del cinema napoletano. Qualche tempo fa segnalammo la presenza di spazzatura abbandonata nei pressi della casa di Totò. A chi compie tali scempi servirebbe un minimo di affetto nei confronti di luoghi che rappresentano veri e propri pezzi di storia della città”.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti