Napoli, baby gang scatenata mette in fuga i passati con urla e atti vandalici

Una baby gang scatenata ha seminato il caos nel centro storico di Napoli mettendo in fuga passanti e turisti con urla, vandalismo e atti di teppismo

Il centro storico di Napoli è sempre più assediato dalla delinquenza e dagli atti vandalici di criminali e baby gang. Proprio nei giorni scorsi, in particolare nella serata di lunedì, si è verificato un nuovo grave episodio di vandalismo in largo San Giovanni Maggiore, nel cuore del centro storico di Napoli. Un gruppetto di ragazzi, evidentemente molto scatenati, ha infatti messo in fuga passanti e turisti che si trovavano in quella zona con urla e atti di teppismo.

Nei pressi della storica sede dell'Università Orientale, la baby gang, composta da ragazzi molto giovani, ha seminato il caos, compiendo dei veri e proprio gesti vandalici e criminali. Prima hanno iniziato a urlare, poi hanno tentato di arrampicarsi sui lampioni e infine hanno ribaltato alcuni cassonetti dell'immondizia, rovesciando a terra il contenuto. Le persone presenti, tra cui turisti e residenti, vista la scena e il comportamento aggressivo dei ragazzi, hanno ben pensato di allontanarsi.

Questo spiacevole e grave episodio è stato segnalato da una cittadina che si trovava a passare proprio in quella zona nella serata di lunedì. La donna ha deciso di fare un video al gruppetto di ragazzi prima di allontanarsi anche lei, che ha poi inviato al consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli, il quale è intervenuto come sempre su questo ennesimo caso di delinquenza, esprimendo tutta la sua preoccupazione:"La situazione al centro storico è fuori controllo. Vandalismo e delinquenza hanno superato il livello di guardia. Oramai aggirarsi in zona durante le ore serali è diventato pericoloso a causa dei rischi legati a vandalismo e criminalità. Speriamo che il ministero dell’Interno si decida finalmente a inviare i rinforzi necessari per permettere alla polizia di fronteggiare in maniera efficace i fenomeni di illegalità che caratterizzano l’area”.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?