Ferito in un agguato: niente cure all'ospedale Covid. E i familiari sfasciano tutto

I parenti di Giuseppe Carpentieri, il genero del boss Valentino Gionta, sono poi fuggiti, prima dell’arrivo delle forze dell’ordine

L’ospedale di Boscotrecase, nel Napoletano, durante l’emergenza sanitaria è stato convertito ad uso esclusivo per la cura dei pazienti affetti da Covid-19 e il pronto soccorso è stato chiuso, ma su questo provvedimento non sono sembrati essere affatto d’accordo i familiari di Giuseppe Carpentieri, il genero del boss Valentino Gionta, ferito nel corso di un agguato a Torre Annunziata. I parenti del paziente hanno forzato e danneggiato a suon di calci l’accesso al pronto soccorso per entrare e far curare il ferito. Una volta entrati nella struttura ospedaliera hanno tentato di accedere al pronto soccorso e quando vigilanza e infermieri hanno tentato di fermarli li hanno aggrediti, strappando loro anche i dispositivi di sicurezza che avevano indosso. In seguito hanno sfondato a calci la porta del reparto e una volta introdottisi all’interno hanno danneggiato il presidio. Quando finalmente hanno realizzato che il loro parente non poteva essere curato in quel luogo sono scappati verso l’ospedale Maresca di Torre del Greco. La vicenda è stata confermata al consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli dal direttore sanitario Flavio Marziani.

“I criminali credono che tutto gli debba sempre essere concesso – ha spiegato l’esponente politico – che tutte le porte per loro debbano aprirsi; se non accade quel che si aspettano allora usano la violenza e la sopraffazione per arrivare al loro scopo. Hanno danneggiato una struttura pubblica, un presidio ospedaliero, questa gente non guarda in faccia a nessuno, pretende sempre ma alla società non dà mai nulla, anzi la impoverisce”. Borrelli, che è componente della commissione regionale alla Sanità, si è rivolto alle Autorità giudiziarie.

“Chiediamo che queste persone vengano denunciate – ha continuato il consigliere regionale – per avere danneggiato il pronto soccorso e per aver messo in pericolo la sicurezza di un’area Covid. Devono anche essere messe forzatamente in quarantena dato che una volta fuggiti dall’ospedale sono diventati un pericolo, dei potenziali portatori del virus. Questa gente che pensa di vivere al di sopra della legge si dimostra sempre più pericolosa e violenta. C’è un solo posto dove i criminali devono stare ed è la galera. Se un solo paziente di Covid-19 ricoverato in ospedale morirà o qualcuno tra i cittadini o il personale medico rimarrà infettato la colpa sarà solo di questi delinquenti che sono anche dei veri e propri untori”. Borrelli ha espresso solidarietà al personale dell'ospedale.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

ziobeppe1951

Gio, 07/05/2020 - 12:38

DOV’È SUCCESSO?

Malacappa

Gio, 07/05/2020 - 13:03

ziobeppe 12.58 risposta A NAPOLI

gianf54

Gio, 07/05/2020 - 13:12

Quetso governicchio ha le palle per far rispettare la legalità? Eh Bonafede? Eh? lamorgese? Che si dice dalle vostre parti????

dredd

Gio, 07/05/2020 - 13:31

Ormai sfasciare gli ospedali è un'abitudine. Barboni

carpa1

Gio, 07/05/2020 - 13:40

"Nihil sub sole novum"... Boscotrecase: anno 1961, io e mio cugino ventenni con altri due amici di 19 e 18 anni, in campeggio itinerante in auto lungo l'Italia, fermi in una via centrale di questo paese, siamo tamponati da uno scooter con a bordo due giovani del luogo. Dopo averli seguiti, dietro loro invito per recarci dai vigili per la deposizione del caso, abbiamo preferito rinunciare a qualsiasi rivalsa (visto dove si erano infilati per una stradina di campagna) e con un rapido dietro front allontanarci nel più breve tempo possibile. Nulla mi ha mai più stupito di ciò che può accadere in quella regione.

27Adriano

Gio, 07/05/2020 - 14:09

..Toh, guarda. A Napoli, città della legalità? Quella il cui sindaco è giggino u' quraquaqqua??

Ritratto di aresfin

aresfin

Gio, 07/05/2020 - 14:23

Nessun problema, questi delinquenti non pagheranno, e se per caso qualcuno venisse incriminato, tanto poi ci pensa il ministro della giustizia.

Ritratto di mbferno

mbferno

Gio, 07/05/2020 - 14:24

Ah beh,nel napoletano. E dove se no?

scorpione2

Gio, 07/05/2020 - 14:35

forse volevano una carpa al forno.

cgf

Gio, 07/05/2020 - 14:46

che dire? c'è solo da augurarsi che non si siano infettati altrimenti tocca pure di curarli gratis

paco51

Gio, 07/05/2020 - 15:17

il nord è davvero unico! ma è nel napoletano? dove sta lui quello che polemica sempre? allora tutto normale è una usanza visto che si ripete spesso! come potremmo fare a meno del sud? impossibile! grazie Garibaldi!

Ritratto di faustopaolo

faustopaolo

Gio, 07/05/2020 - 15:27

magari la sanità lombarda avrà commesso degli errori, ma gente che non ha rispetto degli altri e delle cose, qui non ce n'è. Se quello che ha detto che avrebbe chiuso i limiti della regione li chiudesse davvero!!

Ritratto di cicciomessere

cicciomessere

Gio, 07/05/2020 - 15:40

in Messico , si sa , ormai comandano i Narcos e lo stato vale zero. In Campania comanda la Camorra e lo stato vale zero. In Lombardia se esci senza mascherina ti arrestano . Cosi' va il mondo .

Ilsabbatico

Gio, 07/05/2020 - 18:32

Chissà come mai proprio a Napoli!?!?! 2 mesi fa quando è successa la stessa cosa per il ragazzo di 15 morto, hanno devastato il pronto soccorso (e hanno fatto pure la stesa) , vi ricordate? E qualcuno si è arrabbiato con i commenti negativi su Napoli e ha scritto: Napoli è la capitale morale d'Italia.....oookkkk

Ritratto di hernando45

hernando45

Gio, 07/05/2020 - 19:46

Tanto anche se per caso li "beccano" e vanno dentro,ci pensa Bonafede a "tirarli" FUORI!!!!!jajajajajajaja

Ilsabbatico

Gio, 07/05/2020 - 20:03

Hernando45 ...delle 19.46.....vero! In Italia i peggiori mafiosi escono ai domiciliari. Mi piacerebbe sapere se lo stesso trattamento è anche per tutti quei detenuti magari per reati minori senza violenza......ma non penso.

Giorgio5819

Ven, 08/05/2020 - 10:47

Questione di cultura...

ST6

Ven, 15/05/2020 - 19:02

Napoli è la capitale morale d'Italia. Napoli, come tutte le aree volutamente e convenientemente abbandonate dal Governo della Repubblica Italiana, sopravvive _nonostante_ l'Italia. Punto

ST6

Ven, 15/05/2020 - 19:03

ziobeppe1951: Boscotrecase. C'è scritto.

ST6

Ven, 15/05/2020 - 19:05

mbferno: "Ah beh,nel napoletano. E dove se no?". Non saprei. Come chiedere dove non si rispettano ultimamente le stesse norme, se non sui Navigli di MI e sul Lungomare di NA? Non saprei.

Ritratto di Lissa

Lissa

Ven, 15/05/2020 - 19:56

Smettetela con questo stupido campanalismo, ci sono milioni di campani che amano l'ordine ma per colpa di una minoranza di delinquenti e di Istituzione latitante se non complice si avverano questi scempi.