Nuovi cartelli portano fuori strada

La segnaletica stradale è «un dispositivo atto ad indicare una prescrizione, un avvertimento o una indicazione a tutti i veicoli circolanti o ad ogni altro utente della strada». Peccato che non sia quello che accade attorno all'ospedale San Martino di Genova. I cartelli segnaletici ci sono e grazie al loro colore giallo non passano di certo inosservati. A fine maggio sono stati collocati nelle vie che conducono all'ingresso del nosocomio, ma le indicazioni non sono veritiere o per lo meno portano, è proprio il caso di dirlo, fuori strada. A causa dei lavori che da tempo interessano la piazza d'ingresso dell'ospedale, l'accesso per i veicoli è stato spostato dal Monoblocco, ed è aperto (24 su 24). Esiste anche un altro ingresso da via Marsano, nella parte retrostante alla camera mortuaria. Quell'accesso però resta aperto solo dal lunedì al venerdì, dalle 7 del mattino alle 14 del primo pomeriggio. I nuovi cartelli gialli non segnalano la doppia possibilità d'ingresso, ma solo quella più restrittiva di via Marsano. E ciò comporta code interminabili, traffico in tilt e gente che non sa dove andare.
Non serve mugugnare una volta che ci si trova in fila davanti ad un cancello chiuso. «Lo scorso fine settimana - racconta Antonio - sono venuto a far visita a mio zio ricoverato alla clinica chirurgica. Ho svoltato in via Pastore e mi sono diretto verso l'entrata. Seguendo le indicazioni dei cartelli gialli in cui c'è scritto “ingresso ospedale” sono andato diritto. Arrivato, ho visto una fila di macchine che attendeva di entrare ma il cancello era chiuso. C'è chi si è messo a clacsonare, chi ha iniziato a perdere la pazienza e chi, inutilmente, ha provato a citofonare senza ricevere risposta. Quei cartelli ci avevano condotto ad un ingresso che il sabato e la domenica resta chiuso».
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.