25 aprile, Laura Boldrini: "Gli immigrati sono i nuovi partigiani"

La presidente della Camera: "I nuovi partigiani sono costretti ad attraversare il Mediterraneo per arrivare qui"

25 aprile, Laura Boldrini: "Gli immigrati sono i nuovi partigiani"

"70 anni fa c’erano i partigiani che combattevano per la libertà in Italia, oggi capita che molti partigiani che combattono per la libertà nei loro paesi, dove la libertà non c’è, siano costretti a scappare, attraversando il Mediterraneo con ogni mezzo". Parole della Presidente della Camera, Laura Boldrini. Di fatto lady Montecitorio paragona gli immigrati ai partigiani della Resistenza. Parlando da uno dei luoghi simbolo della Resistenza italiana, Casa Cervi di Gattatico ha affermato: "Molti di quei giovani che arrivano - ha detto - nei loro paesi sono partigiani. Giovani che a volte osano sperare di poter vivere in pace e in sicurezza, osano richiedere anche loro questo diritto e a volte prendono ogni mezzo per arrivare in un posto sicuro, perchè non è un diritto che vale solo per alcuni è un diritto che vale per tutti. Arrivano anche sulle nostre coste, ma avrebbero preferito stare a casa loro, ma non hanno questo privilegio: e molti di loro - ha detto - oggi sono partigiani nel loro paese".

La Boldrini ha poi invitato a ricordare il valore del diritto d’asilo: "Ci pensa la Costituzione a ricordarcelo - ha concluso, citando l’articolo 10 della Costituzione- Lo straniero ha diritto d’asilo, vuole dire che le libertà le dobbiamo condividere con chi non le ha: questo dobbiamo ripetere ogni giorno a chi non conosce la Costituzione".

Commenti

Grazie per il tuo commento