Anche Antonio Di Pietro ​ora rivaluta Salvini: "Lui fa quello che dice"

Dopo le parole di Claudio Amendola, anche Antonio Di Pietro, ex pm di Mani Pulite, elogia Matteo Salvini: "Dice quel che pensa"

Anche Antonio Di Pietro ​ora rivaluta Salvini: "Lui fa quello che dice"

Dopo Claudio Amendola ora è il turno di Antonio Di Pietro. Sulla via di Pontida si moltiplicano i folgorati dall'ascesa del leader del Carroccio. Mentre l'attore ha ribadito di considerare Salvini "il miglior politico da 30 anni", l'ex pm di Mani Pulite non si esime dal rilasciare ai microfono di Radio Cusano Campus un breve elogio del leghista.

"Dice quel che pensa e fa quel che dice", è la sintesi del Di Pietro pensiero. Che poi ha aggiunto: "Si può apprezzare o meno la sua idea politica, siccome tanti cittadini condividono le sue idee, vanno rispettati".

L'ex leader dell'Italia dei Valori ha poi parlato di un possibile accordo tra Lega e Cinque Stelle per la formazione di un governo. Una possibilità di cui si parla da giorni sui giornali ma che solo le consultazioni potranno dire quanto sia vicina alla realtà. "Sembra che stiano ancora in campagna elettorale - ha detto Di Pietro di M5S - Per andare a governare non basta dire che ti ha votato il 30% degli italiani. Governa chi rappresenta il 51% degli italiani. Devono aprirsi al dialogo, non possono continuare a dire sempre le stesse cose, è impossibile avere la botte piena e la moglie ubriaca. Se da solo non hai i numeri per governare, devi parlare con gli altri". Un invito, forse, ad abbracciare la Lega senza sbattere la porta in faccia al resto del centrodestra, Berlusconi in testa.

Infine, la stoccata al neo Presidente della Camera, Roberto Fico, che il primo giorno di mandato si è presentato a Montecitorio in autobus: "Pensavo che prendere l'autobus fosse una cosa normale - ironizza Di Pietro - io l'ho sempre fatto. Il giorno in cui un fatto normale diventa un'anomalia, è un problema".

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti