Elezioni comunali dopo l'estate? Draghi ha il fiato sul collo, il Colle approva

Quasi certo lo slittamento delle elezioni regionali: Mario Draghi deve decidere in fretta. Al Colle non dispiace l'idea di andare alle urne in autunno

Diversi comuni, tra i quali Roma e Milano, ma anche Napoli, Bologna e Torino, dovranno rinnovare la guida nei prossimi mesi e sembra ormai tramontata l'idea di andare a elezioni a primavera. Sarebbe stato incoerente far votare milioni di italiani per il rinnovo degli organismi comunali ma utilizzare la pandemia come scudo per non sciogliere le Camere e rinnovare il parlamento. I tempi stringono a Palazzo Chigi per definire le date del voto e pare che questo sarà uno dei primi dossier che Mario Draghi troverà già nei prossimi giorni sulla sua scrivania per arrivare a una risoluzione con rapidità.

La scadenza naturale del mandato sarà maggio e ora ci si interroga sull'opportunità di mandare alle urne milioni di italiani già in primavera o se sarebbe meglio aspettare l'autunno, magari settembre o preferibilmente ottobre. Marco Antonellis su Tpi.it rivela che il Quirinale sarebbe particolarmente interessato a questa seconda opzione, come dimostra il discorso di Sergio Mattarella nel giorno in cui ha dichiarato fallito il tentativo di Roberto Fico. Dal Colle, infatti, spiegano che "sarebbe impensabile aprire i comizi elettorali in piena pandemia con il rischio di creare seri problemi alla lotta al Covid e alle vaccinazioni che già vanno a rilento".

L'attuale esecutivo che si è insediato a Palazzo Chigi sembra propendere per la linea della prudenza dettata dal Quirinale ma la discussione è ancora accesa. Nulla è stato ancora deciso e, per il momento, nemmeno ufficialmente dibattuto. Le posizioni dei partiti che compongono la maggioranza di governo potrebbero essere divergenti in tal senso e il compito di Mario Draghi sarà quello di trovare la quadra. L'unico aspetto sul quale tutti concordano sono i tempi: devono essere abbreviati e una risposta deve arrivare ne giro di pochi giorni, affinchè si possa iniziare a improntare un programma. Come spiega Antonellis, infatti, "fa molta differenza sapere se hanno ancora qualche mese di tempo per chiudere le candidature oppure no". Mario Draghi non ha molto tempo per dare risposte.

L'argomento delle candidature è un tasto dolente per i partiti. A Roma, per esempio, dev'essere ancora individuato ufficialmente il candidato per la coalizione M5S e Pd: Roberto Gualtieri avrebbe già dato la sua disponibilità, con ancora molti aspetti da chiarire, ma Virginia Raggi non sembra intenzionata a lasciare il Campidoglio senza giocarsela. Anche dalle parti del centrodestra, come spiega Antonellis, c'è ancora indecisione sul candidato da schierare per la corsa a sindaco di Roma. Anche a Milano la corsa è ancora aperta, con l'unica certezza della ricandidatura di Beppe Sala.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di giangol

giangol

Ven, 19/02/2021 - 15:41

Adesso ci vietano anche le elezioni comunali ?????

rossetti

Ven, 19/02/2021 - 15:45

Ma certo,prima apriamo le scuole e poi le chiudiamo per le votazioni.

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 19/02/2021 - 16:29

ar xolle nun je dispiace de nun fa più votare er Popolo Sovrano!!!

carpa1

Ven, 19/02/2021 - 16:33

Avanti, cercate tutte le scuse per ritardare qualsiasi tipo d elezione solo nella vana speranza di riuscire a raddrizzare un po' una barca che vi sta rovesciando tutti quanti in acque profonde dalle quali nessuno vi può salvare: sospensione e/o rinvio di elezioni a qualunque costo, ammucchiate di partitini e gruppetti di lupi solitari, ricerca di simboli a prezzi stracciati (vedi PSI, IdV, e quanti altri ancora disponibili?).... PATETICI, ecco cosa siete.

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 19/02/2021 - 17:07

Leggo e sbalordisco! “Sembra ormai tramontata l'idea di andare ad elezioni in primavera”? Per quale motivo? Però noi Romani vogliamo liberarci subito della sindaca Raggi, che non possiamo sopportare per 5-6 mesi ancora, oltre il termine stabilito per legge! Basta con la Raggi!

silvano45

Ven, 19/02/2021 - 18:14

Al Palazzo ai burocrati e all'ormai famoso inamovibile intoccabile Agente Z non dispiacerebbe spostare il voto sino alla scomparsa dalla scena di Salvini e Meloni.La democrazia inaugurata dal compagno Presidente emerito Napolitano e che continua.

carpa1

Ven, 19/02/2021 - 18:46

silvano45 Ven, 19/02/2021 - 18:14 ...... democrazia inaugurata dal compagno Presidente emerito Napolitano e che continua. Mettiamoci pure davanti un bel "democrazia stuprata" e che "continua" col suo omologo nel tentativo di tenersi stretto lo scettro o, al massimo, cederlo ad un suo gemello rigorosamente di sinistra.

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Ven, 19/02/2021 - 19:01

Mattarella è allergico a qualunque tipo di elezioni, a parte la sua. per chi non lo avesse capito, stiamo andando verso l'assolutismo (poco) illuminato