Politica

Fontana, il ministro alla Famiglia e quelle parole anti-gay: 'Ora vogliono dominarci'

Sul nuovo ministro alla Famiglia, Lorenzo Fontana, cominciano ad emergere alcune affermazioni del passato che di fatto non sono state gradite dal mondo Lgbt

Fontana, il ministro alla Famiglia e quelle parole anti-gay: 'Ora vogliono dominarci'

Sul nuovo ministro alla Famiglia, Lorenzo Fontana, cominciano ad emergere alcune affermazioni del passato che di fatto non sono state gradite dal mondo Lgbt. Come riporta ilCorriere, solo due anni fa lo stesso Fontana affermava: "La famiglia naturale è sotto attacco. Vogliono dominarci e cancellare il nostro popolo". Concetto poi ribadito al convegno Pro Vita Onlus di Verona: "Da un lato l’indebolimento della famiglia e la lotta per i matrimoni gay e la teoria del gender nelle scuole, dall’altro l’immigrazione di massa che subiamo e la contestuale emigrazione dei nostri giovani all’estero. Sono tutte questioni legate e interdipendenti, perché questi fattori mirano a cancellare la nostra comunità e le nostre tradizioni. Il rischio è la cancellazione del nostro popolo", aveva detto Fontana. Posizioni abbastanza chiare anche sull'aborto: "L’aborto è la prima causa di femminicidio nel mondo", aveva detto alla Marcia per la Vita di Roma. Però sull'impegno della politica per la famiglia ha le idee chiare con un obiettivo pratico: "La politica deve occuparsi della famiglia, non possiamo perdere altro tempo. I figli sono l’investimento del futuro".

Commenti