Forza Nuova invita Guerini a un confronto sullo ius soli

Dopo l'attacco di Forza Nuova al deputato dem Khalid Chaouki è nato un fitto scambio di mail e di accuse reciproche tra il movimento di estrema destra e il vicesegretario del Pd

È una sfida in piena regola quella che Forza Nuova lancia a Lorenzo Guerini. Il terreno di scontro è sempre lo stesso, lo ius soli. Il casus belli è il manifesto propagandistico con allo sfondo una foto del deputato dem Khalid Chaouki che il movimento di estrema ha divulgato qualche giorno fa.

Il vicesegretario del Pd aveva subito espresso la sua solidarietà al parlamentare di origine marocchina per "il vergognoso attacco" di Forza Nuova "che al confronto democratico preferisce la silenziosa vigliaccheria".Forza Nuova ha quindi risposto via mail che sarebbe stata disponibile a partecipare al dibattito sullo ius soli che il Pd ha tenuto stamane nella sua sede nazionale di via di Sant'Andrea delle Fratte ma Guerini non ha accettato il confronto. Roberto Fiore, segretario di Forza Nuova ha quindi rinnovato "ufficialmente l’invito ad un confronto democratico con gli Onorevoli Guerini o Orfini, a meno che non siano troppo indaffarati nella questione Marino, a Furio Colombo e a chiunque voglia partecipare ad incontro pubblico sul tema “Ius Soli o Ius Sanguinis”. "In caso di un loro ulteriore rifiuto - continua Fiore - saremo costretti a portare obtorto collo un esponente del PD a difendere le tesi assurde dello Ius Soli il prossimo giovedì 5 novembre di fronte la sede di via Sant’Andrea delle Fratte, per un vero ritorno alla democrazia diretta, per parlare al popolo, tra il popolo, nelle piazze e nelle strade e non nei talkshow preconfezionati ad arte; non possiamo lasciare gli Italiani fuori da questo dibattito, al PD la scelta su cosa fare adesso”.