Il Meeting di Cl cambia pelle E preferisce i grillini a Ncd

Al via la kermesse di Rimini senza riferimenti storici come Lupi e Formigoni. Presenti il premier e il vecchio «nemico» Bertinotti

Il Meeting di Cl cambia pelle E preferisce i grillini a Ncd

Rimini - La versione ufficiale è che sarà un Meeting il più possibile depoliticizzato. Ma, siccome anche le assenze hanno un peso, qualche scelta politica Cl sembra averla fatta ed emerge chiaramente dal programma della kermesse riminese. C'è ad esempio la scomparsa quasi totale del Nuovo centrodestra, partito la cui linea sarebbe in realtà molto vicina a quella del movimento fondato da Don Luigi Giussani. Nell'agenda della sei giorni che inizia giovedì non c'è traccia di Roberto Formigoni, ex governatore della Lombardia e primo uomo politico ciellino lanciato nella politica nazionale nei lontani anni Ottanta. Ma manca anche l'attuale capogruppo di Area popolare alla Camera, Maurizio Lupi. Ex ministro alle Infrastrutture, vicinissimo al popolo del Meeting. Segno che Comunione e liberazione non ha più padrini politici, è una delle interpretazioni che circolano.

Ma il Meeting non può non fare scelte politiche. Se non altro rivolgendo l'attenzione verso una direzione o un'altra. Quello che è subito emerso a programma completato, è l'attenzione a quello che c'è di nuovo in politica. In primo luogo il governo di Renzi, il rottamatore. Preferito alla vecchia sinistra di governo con la quale il Meeting ha avuto sempre rapporti di buon vicinato. Ma anche il Movimento 5 stelle.

Andiamo con ordine. Il fatto più importante di quest'anno è la presenza del premier. L'anno scorso Matteo Renzi aveva rifiutato di partecipare, preferendo un incontro di Boy Scout a San Rossore in Toscana. La sua presenza ha un valore duplice. Primo, il premier, che è un cattolico militante, ha deciso di fare un mezzo dispetto al mondo dal quale proviene. Quello della sinistra lapirania. Un mondo che con Cl c'entra pochissimo e che sicuramente non apprezzerà la scelta di Rimini. Secondo, il Meeting sembra avere scaricato, almeno per il momento, la sinistra che sembrava piacergli di più. Quella emiliana alla Pier Luigi Bersani, presenza quasi fissa. E nemico giurato del premier. Vero che ci sarà Giuliano Poletti, che è di quella scuola, ma che poi è diventato un fedelissimo renziano.

Per il resto il governo rappresentato alla grande. Ci sono Paolo Gentiloni, Pier Carlo Padoan, Gian Luca Galletti, Graziano Delrio, Maurizio Martina. Spunta anche un pezzo di vecchia sinistra. Quella orogliosamente perdente di Fausto Bertinotti, che parteciperà in qualità di presidente della Fondazione «Cercare Ancora». Poi la politica «emergente» e anti sistema. Nel programma c'è Mattia Fantinati, deputato M5S. Chissà se tirerà fuori l'appellativo usato da Beppe Grillo per Cl, sbeffeggiata come «Comunione e fatturazione».

Poi, appunto, le assenze. Lupi e Formigoni non fanno parte del parterre . Non ci sono nemmeno altri esponenti di Ncd che si sono distinti su temi cari al popolo del Meeting come la difesa della vita. La ruota della politica gira. E i riflettori di Cl si muovono ancora più velocemente.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti